L'ITALIA BRILLA A BERLINO

La cerimonia del Festival del cinema di Berlino premia due italiani

In questi giorni, l'immagine del nostro paese all'estero soffre per effetto del coronavirus e dei provvedimenti che sono stati presi per arginare l'epidemia. L'immagine che diamo di noi si traduce in strade deserte, locali, e musei chiusi e gente che gira con le mascherine.
Quanto è successo al Festival del cinema di Berlino sembra allora il segnale che qualcosa dovrà cambiare. Speriamo tutti, in meglio.
L'Orso d'Argento per la migliore sceneggiatura è stato infatti assegnato ai fratelli D'Innocenzo per il film "Favolacce" , ambientato nella periferia romana mentre l'Orso d'Argento per il migliore attore è andato a Elio Germano per "Volevo nascondermi" di Giorgio Diritti che ripercorre la vita del pittore Ligabue.
Per i fratelli D'Innocenzo si tratta del secondo film. Il loro progetto aveva ricevuto il supporto di Rai Cinema nella produzione.
Elio Germano, nel corpo e nello spirito tormentato di Ligabue è riuscito a riportarlo in vita non solo sul piano della somiglianza fisica che, dalla locandina del fil, è davvero notevole. 
L'ultimo lavoro dedicato al pittore fu quello televisivo degli anni settanta interpretato da Flavio Bucci, scomparso di recente.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni