I “CAMERIERI DELLA VITA” AL CARCERE DI BOLLATE

L’integrazione passa dalla contaminazione tra detenuti e non all’insegna del buon umore.

Menu’

Aperitivo

La boule di cocktail analcolico alla frutta

Succo di arancia, pompelmo e ananas

I grissini rustici e Carasau

Salamini invernali con i fiori del cappero e salsa allo yogurt

La cena di gala placée

Antipasti

Il plum cake di broccoletti con mostarda di pere

Aspic al Moscato con ribes e tomino

 

Il primo

Le crepes con trevigiana e provola affumicata

Il secondo

Il manzo alla California* con purea di patate e nocciole

Il dolce

La crema al limone con lingue di gatto e baci di dama

Caffè

Acque minerali gasate e naturali

Il rosso fermo e il bianco della casa


Il menù c’è, il luogo pure, i commensali arrivano, i camerieri sono pronti. Si tratta di una cena galeotta con l’intrattenimento sia teatrale di attori detenuti e non diretti dalla Compagnia E.s.t.i.a  sia  musicale con la voce di Paola Franzini accompagnata dal chitarrista Pierluigi Ferrari. Le porte del carcere di Bollate e in particolare il teatro-ristorante allestito all’interno si aprono per un evento imperdibile, aperto a tutti coloro che vogliono appagare il palato e rinfrancare lo spirito. All’interno del Teatro In- Stabile, in una cornice elegante ed esclusiva gli attori camerieri, detenuti e non, serviranno un menù completo, insaporendo le vivande di un frammento delle loro vite. La cena, curata da un catering qualificato sarà arricchita da momenti teatrali e musicali che proiettano lo spettatore in un cabaret senza tempo, animato da un pianista stralunato, da un cantante dall’ugola d’oro e dai “camerieri della vita”. Raffinati e malinconici, allegri e pasticcioni, danzano, sorridono, si prendono cura dei commensali e giocano tra chi serve la vita e chi dalla vita è servito. Superate le grate del carcere, sedutisi a tavola con i detenuti è un’esperienza unica per sentirsi parte attiva in quel processo di inclusione e integrazione. E la compagnia teatrale Estia, attiva dal 2003 grazie al sostegno di Fondazione Cariplo dal 2008, realizza una programmazione costante durante l’anno, aperta al pubblico. L’obiettivo è favorire l’inclusione e il reinserimento sociale e professionale di chi è temporaneamente detenuto e di chi è un ex detenuto.. 

Giusi De Roma

 

 

per info: www.cooperativaestia.org - estiacultura@cooperativaestia.org

mobile: 331.5672144 - tel. e fax: 02.2316821


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni