I NOSTRI LAGHI

La bellezza e il fascino del Lago di Como

Il lago di Como, o Lario: vale a dire luogo incavato, è il lago più profondo d'Italia nonché quello con maggiore estensione perimetrale e il terzo per estensione e volume. Lambisce le province di Como e di Lecco, sorge a 50 km da Milano. Fin dall'epoca romana rappresentò un rifugio per ricchi e aristocratici. Manzoni sulla sponda lecchese fa iniziare il suo capolavoro "I promessi sposi", il primo grande romanzo italiano dell'Ottocento. E sempre nell'Ottocento Antonio Fogazzaro vi ambienta alcuni episodi del suo "Malombra", mentre nel successivo romanzo più famoso "Piccolo mondo antico" alcune scene sono invece ambientate sul lago Maggiore. A detta di molti il lago di Como è il più bello del mondo, tanto da potersi appropriare della affermazione di Mark Twain scritta dopo il suo viaggio in Italia e inserita nel suo libro "Gli innocenti all'estero", pubblicato nel 1869: "...si può credere che da nessun'altra parte se non sul lago di Como, si possa trovare un tal paradiso di sereno riposo". 
Visto dall'alto questo lago somiglia nella parte sud a due smilze gambe con al centro della persona una figura sottile la cui magrezza ricorda un disegno stilizzato con una matita a punta sottile, un uomo intento ad avanzare con grande cautela per non svegliare la partner dormiente. Sebbene il clima vigente sia più freddo di quello del lago di Garda, vi si trovano 55.000 ulivi in grado di produrre tra i 2000 e i 3.500 quintali di olive all'anno, e molti vitigni. Nel lago è presente anche: l'isola Comacina. Alla fine della seconda guerra mondiale pare che nel profondo delle sue acque confluì anche una parte notevole del cosiddetto oro di Dongo, sequestrato a nazisti e gerarchi fascisti in viaggio verso la Svizzera e la conseguente salvezza. E sempre sulle sue dolci sponde Winston Churchill, che si dilettava di pittura, forse incontrò tra uno schizzo e l'altro emissari dei servizi segreti che gli vendettero o restituirono il celeberrimo carteggio intercorso tra lui e Mussolini durante il conflitto dove lo statista inglese cercava di far desistere quello italiano dal proseguire nella guerra a fianco dei tedeschi. Con i "se" e con i "ma" non si fa la storia, per cui è meglio abbandonare le supposizioni per abbandonarsi invece alla dolcezza che questo lago sa trasmettere a chi sa coglierne l'incanto e che tanto ha sedotto chi a sua volta ha sedotto gran parte del pubblico femminile, come George Clooney, attore americano di buone doti recitative nonché bravo regista e - soprattutto - bell'uomo, il quale ha acquistato una villa sulle sponde del lago vivendoci dapprima con un maiale, e poi con una ...donna. 
Il lago in genere con la sua dolcezza di stampo femminile è come un diluente in grado di acquietare gli animi umani, e quello di Como in particolare è come un comò nel quale sono riposti in vari suoi cassetti segreti, misteri più o meno irrisolti. D'altronde lago deriva anche da affossamento nel terreno, per cui l'affossare certi scottanti segreti per poi raffreddarli con la sua acqua corrente è pratica ricorrente. 

Antonio Mecca

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni