I TESORI DI MILANO NEI 999 SCATTI DI WIKI LOVES MONUMENTS

Castello Sforzesco, Cimitero Monumentale e Palazzo Reale i più immortalati dai fotografi che hanno partecipato al concorso internazionale

Le bellezze di Milano raccontate in 999 scatti. Il capoluogo lombardo è stato uno dei soggetti più amati dai fotografi professionisti e dilettanti che hanno partecipato a Wiki Loves Monuments 2017, il concorso fotografico internazionale che invita a documentare per immagini il patrimonio storico e culturale delle città.
L’iniziativa, conosciuta anche con l’acronimo WLM, è promossa e coordinata da Wikimedia Italia, Associazione per la diffusione della conoscenza libera, e ha tra i suoi obiettivi principali la valorizzazione dell’immenso patrimonio artistico italiano sul web. La volontà è quella di incentivare i cittadini a conoscere e documentare la propria eredità culturale attraverso pratiche di cittadinanza attiva, aumentando la consapevolezza sulla necessità di tutelare i monumenti e preservandone la memoria.
Il Comune di Milano ha aderito al concorso per aprirsi a una platea sempre più internazionale e per diffondere la cultura della conoscenza libera e della condivisione. 
Le 999 fotografie di Milano sono state caricate su Wikimedia Commons, l’archivio di file multimediali a supporto dei progetti di Wikimedia, e andranno ad arricchire le pagine di Wikipedia, l’enciclopedia online più consultata al mondo.
Castello Sforzesco, Cimitero Monumentale, Palazzina Liberty e Galleria Vittorio Emanuele II i più immortalati, accanto a numerose foto di quadri e opere d’arte ospitate nei musei cittadini.
In totale in Italia sono state scattate più di 20mila fotografie da 993 fotografi, 2.400 solo in Lombardia. Il nostro Paese è stato il terzo più attivo, su 52 nazioni, sia per numero di fotografi sia per numero di fotografie, alle spalle di Ucraina e Armenia che hanno superato i 37mila scatti.
In questi giorni la giuria nazionale sta visionando le fotografie per arrivare alla fase finale,  che decreterà i vincitori del concorso che saranno premiati dal presidente di giuria, il fotografo Settimio Benedusi.
Tutte le 20mila fotografie rimarranno a disposizione degli utenti su Wikimedia Commons e il Comune di Milano avrà la possibilità di utilizzare gratuitamente gli scatti della città per le proprie attività istituzionali di comunicazione e di promozione. 

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni