IL RITORNO DEL '900 A BRERA ASPETTANDO PALAZZO CITTERIO

"I quadri non possono più aspettare" - ha esordito il direttore James Bradburne, inaugurando il ritorno dell'arte del Novecento alla Pinacoteca di Brera, con i capolavori, radunati in gran parte negli anni '70 per iniziativa di Franco Russoli, grande soprintendente dell'epoca.
Boccioni e Carrà, de Pisis e Morandi, Modigliani e Sironi, fino a Braque e Picasso, 80 delle opere più amate della Pinacoteca, appartenenti alle collezioni Jesi e Vitali, sono ora visibili nel cuore del museo.
"Non è una mostra è solo una risposta temporanea - ha chiarito Bradburne. - Queste opere staranno qui fino a quando non potremo trasferirle nella loro casa permanente, il nuovo museo Brera Modern, nel vicino Palazzo Citterio: una strategia necessaria, per venire incontro al pubblico e per sanare la mancanza nei confronti delle famiglie benefattrici, che da decenni attendono una sistemazione definitiva delle collezioni donate e che avrebbero potuto ritirare, come hanno fatto gli Juncker, anni fa. Siamo costretti anche dai termini delle donazioni a esporle e gli eredi generosamente ci hanno concesso il tempo di riorganizzarci con l'esposizione alla Pinacoteca - ha continuato il direttore. - Il successo di Brera è anche il successo delle partnership pubblico-private. Grazie alla generosità e alla visione di benefattori come Giovanna Sacchetti, siamo stati in grado di superare gli ostacol".
Per il sostegno all'operazione la marchesa Giovanna Sacchetti, quale presidente della Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti Onlus, il 20 giugno ha vinto la terza edizione della "Rosa di Brera", il prestigioso riconoscimento assegnato ogni anno a un personaggio che si è distinto per il contributo alle attività e ai progetti della Pinacoteca.
L'allestimento de "Il ritorno del '900 a Brera" è stato curato da Marina Gargiulo, che ha raggruppato le opere secondo il sistema delle rastrelliere usato nei depositi, "rispettando gli artisti e mantenendo un criterio stilistico e cronologico". Al centro delle sale IX e XV sono stati creati ad hoc dei contenitori con vetrate trasparenti e griglie metalliche, che si aggiungono al deposito a vista, in uso nella sala XXIII: un intervento di valorizzazione fondato sul principio del “museo visibile”, cuore della missione della Pinacoteca, che, mostrando a tutto tondo l'anima di Brera, migliora l’esperienza del visitatore, il quale può ora ammirare in una veste insolita alcuni tra i massimi capolavori del '900, sculture di Marini comprese.
Il trasferimento delle opere a Palazzo Citterio, che diventerebbe il museo del grande collezionismo milanese del secolo scorso, dipende ora dal Ministero per i Beni e le Attività culturali. Dopo 40 anni e molti soldi pubblici, il Palazzo è finalmente restaurato, ma inadatto a ospitare le straordinarie collezioni di arte moderna italiana, un patrimonio che Milano ha mostrato di meritare, anche presentando subito il progetto per le migliorie necessarie. I tempi tecnici dicono che a Natale del 2020 il Palazzo può essere pronto, ma il Ministero, governato dal Ministro Bonisoli, che sta togliendo ai Musei le autonomie che di recente li hanno svecchiati dalla burocrazia e aumentato i visitatori, non ha ancora dato l'ok ai lavori, e non è questione di soldi. Ancora una volta dipende da Roma che cosa Milano può avere.
Grazia De Benedetti

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni