L’assessore Del Corno: vivacità del Teatro

DIDA FOTO
DIDA FOTO Gli attori della Civica Scuola di teatro Paolo Grassi durante gli spettacoli di questa estate in 7 piazze di Milano.

La scena culturale milanese gode di un’estrema vitalità. A dirlo è l’assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno, soddisfatto, in particolare, delle proposte della nuova stagione dell’Elfo Puccini e del Franco Parenti.

I due teatri non sono in competizione, ma uno stimolo costante. Essi rappresentano un’enorme innovazione nel rapporto tra il pubblico e il Teatro: lo spazio è costantemente abitato, con il foyer vissuto come luogo dove scambiarsi idee. Lo spettatore, scegliendo quando abitare il teatro, vive un’esperienza attiva ed è la programmazione a renderla possibile. 

La drammaturgia contemporanea, che racconta ciò che accade nel mondo, sta trasformando la scena teatrale milanese. Anche per questo è fondamentale che i giovani delle scuole frequentino i teatri. Il pubblico sta diventando un’assemblea partecipe come nell’antica Grecia, un laboratorio aperto per la città, che l’Amministrazione comunale s’impegna a mantenere-.

Per questo, andando in controtendenza rispetto ai provvedimenti nazionali, per la prima volta il Comune inverte l’andazzo di stanziare sempre meno soldi per la cultura: Non c’è nulla di più urgente della cultura: è fertile sia dal punto di vista sociale che economico. Ogni euro investito in cultura rappresenta 1 euro e mezzo di indotto virtuoso e ancora di più in neuroni.                     
 GDB     

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni