LA MAGRA VITTORIA DEL CENTRO SINISTRA A MILANO

Due possono essere le considerazioni su questo risultato: o Milano è rimasta l'unica roccaforte di un pensiero social democratico in agonia nel resto del paese, ultimo faro (ma lumino sarebbe più opportuno) dei diritti civili, oppure è ormai così lontana dal contemporaneo contesto storico (e dalla gente) che non piace a nessuno.
A Milano l'elettorato di sinistra non annovera più né la classe operaia, né il ceto medio, entrambi estinti da tempo: il voto di Sesto San Giovanni, l'ex Stalingrado, d'Italia parla chiaro. D'altronde qui da noi non si produce più niente e quei pochi che ancora lo fanno, tribolano come non mai per sbarcare il lunario. Milano è divenuta una città di servizi, consulenze, comunicazione e finanza, il tutto condito da inglesismi come smartbranddesignfashion etc. Di conseguenza, la sinistra nostrana, avendo smarrito e contribuito a dare il colpo di grazia ai suoi storici votanti, si è rivolta ad un altro bacino d'utenza con un ibrido approccio manageriale, somigliante più a uno spot pubblicitario che a un'ideologia politica, fatto di liberismo economico, sostenibilità ambientale e uguaglianza di genere.
Il nuovo elettorato della sinistra meneghina, che lavora in larga parte nei settori sopracitati, ha apprezzato e risposto in massa. Quest'ultimo vive in una bolla isolata dal resto d'Italia e prospera in una rarefatta atmosfera fatta di smart working ai tavolini di eleganti caffè, fine settimana fuori porta che cominciano il giovedì e collaboratori domestici che gli portano i pargoli a scuola e i cani a fare i bisogni (a Milano ci sono anche gli asili per i cani quindi c'è da augurarsi che non si confondano). Un elettorato certamente sensibile ai problemi legati all'ambiente e ai diritti civili ma che nulla ha a che spartire con la sinistra storica perché non ne ricorda i valori come casa, lavoro, sanità e istruzione. Per un esame diagnostico tramite servizio sanitario nazionale a Milano si può attendere anche un anno; nei licei pubblici oltre a mancare i docenti, non si trovano carta igienica e sapone nei bagni; in zona Porta Venezia 20 MQ sfiorano i 300.000 euro e un caffè in piedi può arrivare a 1,70. Ma se posso permettermi di mandare mio figlio in scuole private, privatamente pagare per aver subito la visita che mi occorre e acquistare 100 metri quadri ovunque io desideri, le mie uniche priorità di sinistra saranno rivolte a un mondo equo e sostenibile… Nel frattempo continua la fuga di molti giovani, e non solo, da Milano perché qui ormai è tutto troppo caro.
Dopo tanti lustri Milano, per la prima volta, non è più specchio del paese. E non lo è neanche la sua sinistra intenta a disegnare unicorni mentre fuori, e dentro, sta andando tutto in malora.
Di questi tempi è meglio essere chiari perché il qualunquismo social e la morte del senso critico hanno messo a dura prova gli intenti e il significato delle parole. I diritti civili (per chiunque), la libertà di espressione e un nuovo approccio ecologista sono vitali e necessari se desideriamo garantirci un futuro. Eppure la destra ha vinto senza praticamente mai citare uno di questi argomenti, eccetto Giorgia Meloni (moderata in Italia e senza freni all'estero) che con il suo infervorato intervento andaluso su famiglia naturale e aborto, non avrebbe potuto essere più esplicita. La gente ha paura; paura di perdere il lavoro, di non riuscire ad arrivare a fine mese, di non poter garantire un avvenire ai propri figli. E la paura rende gretti ed egoisti. Non si poteva sperare di vincere delle elezioni senza tentare di domarla o arginarla. Se la destra ha sparso la benzina del catastrofismo per alimentare il fuoco dell’insicurezza in modo da ottenere consensi, la sinistra non ha adoperato l'acqua della concretezza e del buon senso per spegnerla e riportarci alla ragione. Ha continuato imperterrita a parlare del nulla e di temi, certamente attuali e salienti ma che, paragonati alla soffocante incertezza del domani, valgono poco o niente.
La sinistra a Milano per il momento regge ma viene da domandarsi per quanto ancora. Dovrà tornare per le strade e comprendere i problemi concreti e reali dei propri cittadini se davvero desidera essere nuovamente esempio e riferimento per il resto del paese. La parità di diritti e la sostenibilità non sono in discussione. Ma non dovrebbero esserlo nemmeno gli antichi e trascurati pilastri portanti della nostra democrazia.

Riccardo Rossetti

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni