LUCIANO TAVILLA – “IL PARTIGIANO CONTESO TRA BOVISA E DERGANO”

Ha vissuto in via dell’Aprica 24 Luciano Tavilla, Medaglia d'oro al Valor militare alla memoria. Niente corteo questa mattina, ma la corona d'alloro in memoria c'è.

Nato a Santo Stefano di Magra (La Spezia) nel 1925, figlio di un impiegato delle ferrovie in servizio a Milano, Luciano Tavilla aveva appena terminato gli studi presso una Scuola di avviamento industriale quando decise di unirsi ai partigiani che combattevano in Val d'Ossola. Inserito in una formazione, poco tempo dopo, per quanto fosse giovanissimo, gli fu affidato il comando di un distaccamento della Brigata Garibaldi "Mario Flam". Il ragazzo si distinse per il suo coraggio in numerose azioni contro i nazifascisti e cadde con le armi in pugno, proprio nel giorno dell'insurrezione popolare a Fondotoce di Verbania, il 24 aprile 1945.

Questa la motivazione della ricompensa al valore che gli è stata concessa: "Giovane combattente della lotta di liberazione, audace fra gli audaci, in dure situazioni di vita e in aspri scontri fu sempre di costante esempio ai compagni e ai dipendenti. Particolarmente si distinse nei combattimenti di Valgrande di Intra e di Verbania. Nei giorni dell'insurrezione generale, conducendo con valoroso impeto il suo distaccamento contro i tedeschi che ancora duramente resistevano, cadde da prode sul campo".

E in questi vecchi cortili di ringhiera, pieni di storie e di eroi, nessuno dimentica Luciano Tavilla e tutti coloro che hanno lottato per creare un mondo migliore per noi. Grazie ragazzi!

Tina Nava

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni