NATUROPATIA IN BREVE 07/10

AUTUNNO, SINONIMO DI MALANNI DI STAGIONE, ECCO COME AFFRONTARLI (Quarta parte).

Estratto dal mio libro “Autunno il tuo benessere con la naturopatia” (Ottobre 2018) Edb Edizioni Milano (Da pag. 18 a pag.25).

Per ottenere il massimo di benefici, i carciofi non vanno bolliti, altrimenti la cinarina si disperderebbe nell’acqua, e di questi ortaggi vanno usati solo i fondi, ossia la parte più tenera. Le foglie infatti sono ricche di lignina, che complicherebbe il lavoro di un apparato gastrointestinale già provato da coliti e gastriti. Il piatto proposto dalla nutrizionista è una pasta condita con i fondi del carciofo.

BROCCOLI E CAVOLFIORI

Altre verdure autunnali “toccasana” sono le crucifere: i broccoli, i broccoletti, i cavolfiori, il cavolo cappuccio, la verza e simili. Questa famiglia di ortaggi fornisce uno scudo perfetto per difendersi dai primi raffreddori, virus parainfluenzali e stati di debolezza tipici della stagione fredda. Oltre che sostanze antitumorali, le crucifere contengono anche sostanze antibatteriche e antivirali. Inoltre, in attesa della stagione delle arance, cavolo cappuccio e verza crudi sono un’ottima fonte di vitamina C. Broccoli, broccoletti e cavolfiori non vanno assolutamente bolliti, altrimenti si perdono completamente le proprietà alleate delle difese immunitarie.

Claudio Dianese Naturopata
claudio.dianese@gmail.com

Proverbi Milanesi

Milano in Giallo

di Albertina Fancetti, Franco Mercoli, Alighiero Nonnis, Mario Pace
EDB Edizioni

Com'è bella Milano

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

L'Osteria degli Orchi

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni