Premi di laurea in memoria di Giorgio Ambrosoli

Consegnati a Palazzo Marino

L’etica applicata all’attività economica, con una tesi di laurea magistrale o di dottorato. È questo l’argomento che dovevano approfondire laureati o ricercatori e che hanno meritato due premi di laurea in memoria dell'avvocato Giorgio Ambrosoli, promossi da quasi vent'anni dall'Amministrazione comunale. Oggi si è tenuta la cerimonia di premiazione a Palazzo Marino nella Sala dell’Orologio. I riconoscimenti sono stati consegnati durante una cerimonia cui hanno partecipato per il Comune la vicesindaco Anna Scavuzzo, insieme ai membri della commissione, gli avvocati Umberto Ambrosoli Tiziano Barbetta e il professore Vittorio Coda; presenti anche il Presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolé e il Segretario generale del Comune Fabrizio dall'Acqua. Cinquemila euro ciascuno, questo l’importo dei premi che sono andati a Beatrice Fragasso, Università degli studi di Milano, Laurea magistrale in Giurisprudenza, per la tesi dal titolo "Provocazione poliziesca e responsabilità penale: Europa, Italia, Stati uniti" e a Vincenzo Costa, Università LUISS Guido Carli di Roma, Laurea magistrale in Giurisprudenza, per la tesi dal titolo “L'impiego elusivo e fraudolento delle società di comodo nel diritto penale tributario”. Così ha commentato la Vicesindaco Scavuzzo: “Questo premio è per l'Amministrazione un impegno che si rinnova ogni anno con convinzione: la vicenda umana e professionale di Giorgio Ambrosoli ha segnato la storia della nostra città e del Paese, è un esempio di amore per le istituzioni, rettitudine e integrità morale che lo confermano un punto di riferimento per tutti”. Fra le 17 tesi arrivate per l’edizione 2020, la Commissione ne ha premiate due con le seguenti motivazioni. Una tesi in Diritto penale dell’economia, quella di Costa Vincenzo – Università LUISS Guido Carli di Roma – Laurea magistrale in Giurisprudenza, che analizza la realtà delle società di comodo e i possibili utilizzi nel campo del diritto tributario e del diritto penale. Qui il candidato esamina con approccio sostanziale le diverse tipologie e patologiche funzioni di tali società. Egli offre una panoramica che consente di cogliere anche le difficoltà con le quali l’ordinamento (in prospettiva normativa, applicativa e interpretativa) è chiamato a fronteggiare le violazioni tributarie che si realizzano per il tramite di questo genere di veicoli, la cui operatività ha spesso natura transfrontaliera. L’analisi di concetti quali elusione, fraudolenza e abuso di diritto è realizzata con nitore e contributo proprio, senza lasciarne la spiegazione al dettato normativo o al riferimento giurisprudenziale. La tesi merita di essere premiata per la rilevanza della problematica affrontata, la profondità di analisi, la chiarezza espositiva e la capacità di sintesi. La seconda tesi premiata è quella di Beatrice Fragasso ed è relativa agli aspetti della disciplina processualpenalistica di notevole delicatezza e di grande rilievo sotto il profilo delle garanzie da assicurare alle persone coinvolte nelle indagini. Qui il tema dell'agente provocatore è trattato con rigore scientifico, in una visuale comparatistica che comprende una puntuale analisi delle prassi giurisprudenziali. E’ rilevante l’apporto personale anche con riferimento alle prospettive di evoluzione della normativa vigente.

Manuelita Lupo

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni