TEATRO FRANCO PARENTI: L'IMBARAZZO DELLA SCELTA

Con il motto della stagione 2019/20, “è già domani”, il teatro Parenti mostra la sua fiducia nel futuro, ribadita da un palinsesto come sempre ricco e variegato. In autunno subito un tris d'assi: dal 24 Settembre, le 26 mini-piece di “Opera panica” Cabaret tragico di Alejandro Jodorowsky, un piccolo cult del Parenti, divertente, violento e politico sulla ricerca della felicità; il nuovo spettacolo, insolito nel percorso registico di Andrée Shammah, “Coltelli nelle galline” potente test del pluripremiato scozzese David Harrowero; dal 9 al 20 ottobre “Se questo è un uomo”, da Primo Levi, a cura e con Valter Malosti, in occasione del 100 anni dalla nascita dell'autore, con la collaborazione del Centro Internazionale di Studi Primo Levi, come per “Il sistema periodico” (24/25 maggio), interpretato da Luigi Lo Cascio. Anche Jodorowsky ha un richiamo a fine maggio con “Opera panica#due”, sempre con la regia di Fabio Cherstich.
Tra le altre produzioni del Parenti,“Gino il postino” a dicembre; il connubio tra teatro e danza del “Peer Gint”, Suite da Henrik Ibsen e musica di Grieg, di e con Federica Fracassi e Luca Micheletti; “Marijorie Prime” di Jordan Harrison con Ivana Monti. Sempre a ottobre/novembre altre due mattatrici, Isa Danieli e Giuliana De Sio, in “Le signorine” regia Pierpaolo Sepe, più la voce di Sergio Rubini, poi protagonista con Lo Cascio di “Dracula” di Bram Stoker. Tanti i beniamini del pubblico, da Silvio Orlando in “Si nota all'imbrunire” di Lucia Calamaro, a| Filippo Timi, nei suoi spettacoli “SKIANTO” e “Cabaret delle piccole cose”, e Gioele Dix nel suo “Vorrei essere figlio di un uomo felice”, a Giuseppe Battiston in “Winston vs Churchill” (gennaio), interprete anche di “Così è (se vi pare)” di Pirandello, insieme a Filippo Dini, regista dell'opera. Di un altro classico, “Tartufo” di Molière (20/29 marzo), la regia è di Roberto Valerio, che lo interpreta insieme a Giuseppe Cederna.
Il cartellone è inoltre arricchito da una serie di spettacoli internazionali: dalla Francia, a Capodanno, “Garden party”, da Israele, a marzo, “Mothers Three”, dalla Polonia “La cometa”, ispirato a Bruno Schulz, il grande scrittore polacco assassinato dai nazisti nel 1942, e dall'Argentina un trittico, a novembre “Proximo” sui legami dell'Italia col paese sudamericano, a dicembre “Citas a ciegas”, regia di Andrée Shammah, con Gioele Dix e Laura Marinoni, a giugno, “Un Poyo Rojo”.
Sulle problematiche del mondo contemporaneo segnaliamo: “Nel mare ci sono i coccodrilli”. Storia vera di Enaiatollah Akbari, di Fabio Geda, con Paolo Briguglia; “Lungs” di Duncan Macmillan sulla coppia contemporanea e l'etica ecolgica; “L’angelo di Kobane”di Naylor; “Verso Sankara” Alla scoperta della mia Africa di M. Schmidt; “Io mai niente con nessuno avevo fatto”, di e con Joele Anastasi e Vuccirìa Teatro; il complesso rapporto tra letteratura e scienza di “Infinito tra parentesi” di Marco Malvaldi, con Maddalena Crippa e Giovanni Crippa; e l'omaggio del Teatro dei Gordi alla poetessa premio Nobel Szymborska, “Sulla morte senza esagerare”. Per chiudere due cult del teatro Parenti: a febbraio “I promessi sposi alla prova” di Giovanni Testori, rivisitato dall'edizione anni Ottanta, e “Per strada” di e con Francesco Brandi.
Grazia De Benedetti

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni