TORNIAMO A PARLARE L'ITALIANO

L'Italia è l'unico Paese del mondo occidentale, fra quelli che vantano una ultra millenaria civiltà, che riesca a influenzare ancora, a livello mondiale, la cultura contemporanea.

I campi nei quali si irradia la nostra sfera di influenza sono molteplici: letteratura, arti figurative, eleganza e stile, (pensiamo all'automobilismo, alla sartoria e alla moda, alla gioielleria, all'architettura) scienze naturali e mediche, tradizioni, cinema, musica leggera, enogastronomia, know how tecnologico.
Non trascuriamo il retaggio storico in campo monumentale, letterario, filosofico, musicale, artistico e le bellezze naturali e paesaggistiche.  
Dalla lista del patrimonio mondiale di 125 Paesi elaborata dall’UNESCO risulta che l’Italia è il Paese che detiene, a pari merito con la Cina, il maggiore patrimonio culturale del mondo, in termini di monumenti, musei, chiese, monasteri, palazzi e castelli, ma anche di beni paesistici e paesaggistici. Seguono Spagna, Francia, Germania.
In conclusione. La cultura italiana affonda le sue radici in un passato ultra bimillenario ed è ancora vitale e determinante nel processo di formazione della cultura contemporanea. E studiando il passato, riusciamo a comprendere e affrontare il futuro.
Eravamo all'apice della presenza storica duemila e più anni fa e lo siamo tuttora.
Quella italiana peraltro è la base della civiltà cristiana nel mondo occidentale. Per converso, la Chiesa ha sempre fortemente aiutato l'italianità a conservare la sua identità al vertice storico mondiale.
Il più potente "collante" e "alveo" culturale che ha permesso questo prodigioso risultato è stata la lingua, che ha mantenuto una linea di continuità, pur nella evoluzione delle diverse epoche, ed è stata un determinante fattore di identità. Essa è quindi un prezioso patrimonio da salvaguardare dalla minaccia di contaminazioni che possano provocarne il declino.
Oggi, per la prima volta nella nostra storia, gli italiani, per parlare anche tra loro, usano l'inglese: si comincia con gli anglicismi e gli americanismi dell'aziendalese e si finisce con il cercar di parlare nella lingua di Shakespeare, Faulkner ed Hemingway e non più in quella di Dante, Petrarca e Manzoni, evoluzione, sintesi e sublimazione delle diverse lingue popolari in cui si sono sempre espresse le comunità locali.
Questo è il vero segnale di una possibile rottura con il passato e una minaccia alla continuità e alla rilevanza della nostra cultura.
Quanto all'Unione Europea essa ci offre, non un'area culturale comune nella quale possa trovare espressione significativa anche la nostra cultura, ma solo un mercato comune di ordine economico. E questo aspetto, se non corretto, può essere solo il preludio di un appiattimento culturale molto negativo.

Achille Colombo Clerici

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni