Salvatore Giletto - Cento poesie

Affreschi di persone, descrizioni di paesaggi, riflessioni, ricordi, meditazioni, preghiere, racconti: le poesie di Salvatore Giletto sono tutte queste cose insieme. Un ritratto della realtà che dura da tutta una vita, descritta e narrata con un occhio sempre vigile e attento ma mai severo, anzi spesso indulgente.
Ciò che colpisce di più in queste poesie sono le riflessioni, di spessore tale che si possono dire filosofiche, etiche e didattiche che riguardano i vari ambiti dell’esistenza: la nascita, la morte, il matrimonio, le amicizie, la vecchiaia. Lo sguardo di Giletto sul reale è verista, non nasconde nulla né al lettore né a se stesso ma, anche in virtù della sua origine contadina, è capace di trovare nuovi punti di vista e nuove prospettive interpretative a quello che vede e racconta.
Le poesie sono anche intrise di cultura, come si evince dai numerosi spunti storici e politici in esse presenti. In conclusione, quindi, quello che viene fuori da questa raccolta è una descrizione della realtà operata da un uomo dotato di un buonsenso antico e contadino, ma anche di uno spessore culturale non indifferente.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni