Addio al partigiano Domenico Arcieri

Il partigiano Domenico (nome di battaglia Mino) ci ha lasciato, era nato il 27 agosto del 1926 a Bisceglie (BA). Da ragazzo era operaio in fabbrica alla Oerlikon italiana, che fabbricava utensili per l'industria. Dalla fine del 1943 Domenico rimase solo a Milano perché i genitori poco prima dell'8 settembre erano andati in Puglia come sfollati e poi vi rimasero bloccati per lunghi mesi. 
Nel quartiere di Affori, Mino entrò presto in contatto con un gruppo di partigiani, senza però avere una affiliazione politica precisa. Il suo ruolo era quello di diffondere la stampa clandestina con un gruppo di altri sette giovani operai in collegamento con il CLN della fabbrica. Domenico fu attivo nel grande sciopero generale del marzo 1944 che paralizzò per alcuni giorni Milano e che vide la partecipazione attiva dei tranvieri milanesi.
Domenico è ad Affori il 10 settembre 1944 quando il quartiere subisce un terribile bombardamento aereo e riesce a portare in salvo alcuni civili. Partecipa all'insurrezione di Milano il 25 aprile 1945 quando gli viene affidato il comando di un folto gruppo di insorti ad Affori. Nel dopoguerra sarà esponente del PSI afforese ed è rimasto attivo nella sezione ANPI di Affori fino a 3 anni fa, fino a quando la salute glielo ha permesso. Il 9 maggio del 2017 ha partecipato a un incontro organizzato dal Municipio 9 di Milano, sulla Resistenza, allo scopo di portare la sua preziosa testimonianza alle giovani generazioni. Domenico si è sempre impegnato nel raccontare ai ragazzi le sue vicende da partigiano, per far conoscere quel glorioso periodo della nostra storia che ha segnato la sconfitta della barbarie nazifascista e ha restituito la libertà a tutti noi.

Dario Marchesi
Presidente sezione ANPI Dergano

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni