WEMI, TRE NUOVI SPAZI IN CITTÀ

Inaugurazione del nuovo spazio WeMi Tate Colf Badanti in via Statuto 15

Per l’accessibilità al welfare milanese

Sono numerosi, circa 18mila, coloro che da quando è nato il servizio WEMI, vale a dire due anni, hanno frequentato le diverse sedi nei quartieri e il portale online ha registrato oltre 565mila visite. Ma proprio durante l’ottavo Forum delle Politiche sociali in corso in questi giorni nel capoluogo lombardo, saranno inaugurati tre nuovi spazi che diventeranno luoghi di incontro, orientamento, ma anche sperimentazione al fine di adattare soluzioni welfare a chi ne fa richiesta, con l’aiuto di operatori specializzati. Venerdì 1 febbraio alle 13,00 l’inaugurazione dello spazio in via Ornato 7 (Municipio 9) gestito dalla cooperativa sociale Cascina Biblioteca, qui dove sono già presenti supporti a famiglie con persone con disabilità e corsi di italiano a donne straniere, verranno avviati l’esperienza del “dialogo attraverso gli scatti”, per far conoscere i luoghi del territorio attraverso incontri itineranti e una successiva mostra, oltre un ciclo di iniziative negli spazi verdi per promuovere i temi del benessere green e le letture ad alta voce. Alle 18,00 toccherà a WeMi Valla, in via Valla 25 (Municipio 5). Lo spazio, che si trova all’interno di un complesso condominiale, sarà gestito dal consorzio Sir. Qui, oltre il “punto welfare” su strada, è previsto un Caf, un patronato e un’agenzia per il lavoro. E non è tutto, poiché per i cittadini è disponibile, da oggi, il poliambulatorio del consorzio Sir inserito nel cortile di via Valla che, dalle 17,00 offrirà alle famiglie un incontro gratuito di psicomotricità, la collaborazione con la vicina agenzia per il lavoro e il proseguimento e il potenziamento della collaborazione con alcune scuole materne per incontri di psicomotricità dedicati ai bambini. Sabato 2 febbraio, alle 15,30, toccherà allo spazio di via Pacinotti 8 (Municipio 8) che sarà gestito dal consorzio Farsi Prossimo insieme alle organizzazioni che fanno parte della rete Accanto (Fondazione Don Gnocchi e cooperativa sociale Sociosfera). WeMi Pacinotti sarà il centro di un sistema di luoghi diffusi sul territorio e a esso collegati, come il Centro Sestante in via Mantegazza 23 e l’Istituto Palazzolo di via don L. Palazzolo 21. Nello spazio sarà presente il progetto "2 mani in più" in collaborazione con Coop Lombardia. Finalità aiutare gli anziani per la spesa e pasti a domicilio, il coordinamento del servizio dei custodi sociali, il servizio aiuti familiari e ci saranno anche laboratori di invecchiamento attivo, incontri di supporto al metodo di studio per ragazzi con DSA, oltre gli incontri di supporto ai caregiver. 
“I servizi di welfare disponibili nella città di Milano - ha precisato l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Milano Pierfrancesco Majorino - costituiscono un’offerta molto ampia e strutturata. La sfida di WeMi è di rappresentarla e farla conoscere ai cittadini in maniera organica e nella sua interezza per avviare gli utenti a un accesso sempre più semplice e immediato. Obiettivi che si coniugano con quelli del Forum delle Politiche sociali che, ormai da otto anni, racconta il welfare cittadino ai milanesi”. 
Gli spazi WeMi diventano dodici, uno per ogni Municipio (nei Municipi 1, 5 e 8 ve ne sono 2). Tra i servizi maggiormente richiesti ci sono l’assistenza familiare (badante, baby sitter, colf, assistenza specializzata), le attività ricreative e i pasti a domicilio. Per ulteriori info, consultare il sito http://wemi.milano.it

Manuelita Lupo

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni