BOMBA D'ACQUA A MILANO

Si contano i danni e i disagi del violento nubifragio del 14 maggio

Nella notte tra il 14 e il 15 maggio, Milano è stata colpita da un violento nubifragio. L'allerta meteo era scattata già nel pomeriggio di ieri ma con ci si aspettavano fenomeni così violenti. Tanto che già alle 03:00 il fiume Seveso era esondato causando allagamenti in zona Niguarda. Lo stesso era successo al fiume Lambro, esondato in più punti nel Parco che porta il suo nome. Alla pioggia si sono associate forti raffiche di vento, fulmini e grandine in alcune zone della città. Ci sono state diverse segnalazioni di black out.  
Alle 07:50 di questa mattina l'assessore alla mobilità Marco Granelli parlava di un'emergenza parzialmente rientrata.
Si segnalano rallentamenti alla viabilità in zona Niguarda dove resta chiuso il sottopasso Negrotto.
Disagi per la circolazione della metropolitana M2 e M5 e per autobus e tram.
Per gli aggiornamenti si rimanda al sito ATM.

Finito il nubifragio sono tornate le polemiche sulla messa in sicurezza dei corsi d'acqua e sui lavori fermi dei nuovi progetti di contenimento.Del Seveso che esonda, infatti, si hanno notizie dal 1951.
Nel solo periodo 1976-2000 si sono contate 62 esondazioni.

 

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni