CHIUSO IL BANDO PER LA SCELTA DEL TEST SIEROLOGICO

I test al via il 04 maggio

Nel punto stampa del 25 aprile, il commissario all'emergenza Domenico Arcuri ha dato tre importanti aggiornamenti.
Prima, però, ha tenuto a ribadire che la battaglia non è vinta e che serve, ora più che mai, il senso di responsabilità di ciascuno.
La prima novità riguarda la scelta del test sierologico.
Il bando sarebbe scaduto il 29 aprile ma la scelta è stata fatta anzitempo. È stata premiata la casa farmaceutica Abbott che ha messo a disposizione il suo test a titolo gratuito.
Al bando hanno partecipato 72 aziende.
Per la scelta di Immuni, Arcuri ha parlato di tre importanti risultati: la struttura che raccoglierà i dati sarà italiana e gestita dallo Stato e la app rispetterà tutte le norme sulla privacy, italiane ed europee. Da ultimo, il diario sanitario dell'utilizzatore servirà sia per il monitoraggio del virus, sia per il controllo sanitario da remoto. Arcuri si è detto fiducioso sul numero di quanti la scaricheranno sul proprio cellulare.
Da ultimo, gli aggiornamenti sulle mascherine.
Nei prossimi giorni si provvederà a fissare un prezzo massimo di vendita.
Al momento ne sono state distribuite abbastanza perché ogni Regione abbia scorte di magazzino.
Va precisato che Arcuri si riferisce agli approvvigionamenti per sanità, parasanità, servizi pubblici essenziali, forze di polizia e forze armate .
Per quanto riguarda la produzione, invece, si continuerà a importare finché il nostro sistema produttivo non si renderà autonomo.
Al momento ci sono centosei aziende che stanno riconvertendo la produzione mentre con due grandi aziende è stato siglato un accordo per la produzione di una cinquantina di macchine utensili.
A pieno regime, produrranno da 400mila a 800mila mascherine al giorno.


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni