COME IN TUTTA ITALIA

Dal nostro corrispondente da Verbania

Anche Verbania è ormai zona chiusa. Questo per via dei contagi da virus che anche qui si sono avuti come dappertutto in Italia, contribuendo a unificare l'intero Paese nel segno della pandemia. Quello che per oltre centocinquanta anni non si era riusciti ad unificare: Nord e Sud, Centro e Isole, governi locali e governo centrale, ecco che ora si è "finalmente" avuto. La graziosa cittadina del Piemonte così chiamata a partire dal 1939 che raccoglie diversi paesi di cui i principali sono: Pallanza e Intra, la prima più famosa anche nel mondo della letteratura mondiale - vedi "Addio alle armi"- , la seconda più cittadina e quindi più viva e più vivace, appaiono oggi smorte, prive come sono di gran parte del traffico di automezzi ma - soprattutto - di commerci, poiché molte attività locali hanno addirittura fermato la produzione. Ora la città è blindata.Tutti dovrebbero rimanere in casa. Uscire solo per le prime necessità. Aperte solo strutture sanitarie, comunali, postali, banche e poche altre. Era meglio prima, perché quella era pur nella sua esasperazione vita vera; questa invece è vita nera, tale infatti ci appare la giornata in questo grigio presente. Ci si chiede, sgomenti, quando tutto questo finirà, quando la normalità riprenderà? Certo, dipenderà molto da noi, dalla osservanza ferrea alla disposizione emanate dal Governo valide in ogni spazio della nostra amata Italia.
Sperando, allora, che si riparta e si proceda con maggiore attenzione e giudizio memori dell'orrore passato.

 Antonio Mecca

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni