CONTI E PAGAMENTI ONLINE

Cosa cambia con la direttiva Psd2

Dal 14 settembre 2019 è operativa la direttiva Psd2. L'ABI (Associazione Bancaria Italiana) e altre associazioni di consumatori hanno quindi messo a punto una guida rapida su cosa cambia.
- L’autenticazione forte
Riguarda l'accesso al proprio conto corrente online. Da oggi in poi servono almeno due strumenti a scelta tra: password o il Pin; smartphone o una chiavetta/token; l' impronta digitale o altri dati biometrici (in uso su alcuni smartphone di ultima generazione).
Per i pagamenti online disposti via internet o mobile, a questi fattori si aggiunge un codice unico che collega importo e beneficiario.
In questo caso è l'istituto di credito a suggerire quali fattori utilizzare.

- Pagamenti esclusi dalla Psd2
I pagamenti di piccolo importo, quelli ricorrenti o destinati a beneficiari di fiducia indicati dall’utente e i pagamenti di parcheggi e trasporti. In questi casi serve un solo fattore di sicurezza.

- Gli acquisti online
In questo caso sarà possibile permettere alla propria banca di accedere al conto per controllare saldo e movimenti e per gestire i pagamenti online. Sarà inoltre possibile avere informazioni su conti tenuti presso banche diverse in un unica modalità come ad esempio una app o avere conferma sulla disponibilità di fondi in caso di conto corrente in una banca e bancomat in un'altra.

- Rimborso dei pagamenti non autorizzati
In caso di furto o smarrimento della carta di credito o del bancomat, il rimborso è previsto entro il giorno lavorativo successivo alla notifica del cliente.

adv