E SE CI PENSASSE UN ROBOT?

Cosa si fa a Singapore per mantenere il distanziamento sociale

Nei parchi di Singapore, in questi giorni, capita di imbattersi in un essere artificiale.

Ha un corpo di metallo di colore giallo e 4 gambe pieghevoli che gli permettono di muoversi.

Si chiama Spot ed è il primo robot anti-assembramento.

Il buffo aggeggio, infatti, è in grado di parlare e quindi invitare a mantenere le distanze di sicurezza.

È inoltre dotato di sensori e videocamere per vedere e far vedere a chi lo controlla da lontano ciò che accade nel parco.

A garanzia della privacy dei cittadini, il robot non è in grado di riconoscere e schedare le persone.

Singapore, che conta 5,7 milioni di abitanti aveva fronteggiato con successo la prima ondata epidemica.

Da fine aprile, è alle prese con una seconda ondata che ha fatto salire i contagi da 11 mila casi della prima fase agli attuali 22.460.
La maggior parte di questi riguarda i lavoratori stranieri che vivono nei dormitori.


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni