IL BOLLETTINO DELLA PROTEZIONE CIVILE - 1

Delle ore 18:00 di sabato 04 aprile 2020

La conferenza stampa di questo 04 aprile, vede la partecipazione di Angelo Borrelli e del prof. Franco Locatelli del CSS (Consiglio Superiore di Sanità).

Si comincia, come di consueto dai dati numerici:

Le persone contagiate sono 88.274 con un incremento di 2.886 casi rispetto a ieri.

Le persone in terapia intensiva sono 3.994.

Borrelli si ferma per dire che, per la prima volta questo dato è in calo, rispetto a ieri di 74 unità.

I ricoverati con sintomi sono 29.010.

Gli asintomatici in isolamento a casa, senza sintomi o con sintomi lievi sono 55.270 e sono il 63% del totale dei contagiati.

Le persone decedute oggi sono state 681. Ieri erano state 766.

Il totale dei guariti è di 26.103 con un aumento di 1.238 persone rispetto a ieri.

Fin qui i numeri.

 

Seguono le osservazioni di tipo operativo:

- non ci sono stati altri trasferimenti dalla Lombardia;

- le forze in campo sono 17.373;

- le tende per il pre-triage davanti agli ospedali sono salite di 19 unità rispetto a ieri arrivando a quota 811; quelle di fronte ai penitenziari sono sempre 151;

Anche oggi Borrelli torna sulla cifra raccolta con le donazioni che è arrivata a quota 105 milioni di euro. Oggi è stato speso un milione e mezzo di euro dal commissario Arcuri per dispositivi di protezione e ventilatori.

Seguono due buone notizie:

- dall'Ucraina sono in arrivo 13 medici e 7 paramedici. Saranno destinati alle Marche.

- dall'Egitto arriverà materiale sanitario.

La parola passa poi al prof. Locatelli che esordisce con una osservazione "improntata alla pietas umana": il ricordo del servitore dello Stato e sostituto commissario Giorgio Guardamacchia.

È deceduto oggi per coronavirus. Faceva parte della scorta del presidente del Consiglio Conte.

Lascia moglie e due figli.

Locatelli sottolinea il sacrificio di chi è morto per il bene di tutti.

Locatelli ripete un messaggio che tornerà anche in altri momenti del suo intervento: Rispettare le norme di distanziamento sociale. Rimanere a casa.

Segue perfino un monito di cui cito le parole precise: "che ognuno di noi, che viviamo in Italia, abbia un comportamento improntato al più alto senso di responsabilità individuale".

adv

 

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni