IL BOLLETTINO DELLA PROTEZIONE CIVILE

Delle ore 18:00 di venerdì 17 aprile 2020

La conferenza stampa di questo 17 aprile vede la presenza di Angelo Borrelli e del prof. Franco Locatelli del CSS.

Si passa quindi alla lettura dei dati numerici.

Il numero dei positivi è di 106.962 con un incremento di 355 casi.

Le persone in terapia intensiva sono 2.812. Sono 124 in meno.

Il totale dei ricoverati è di 25.786. Sono 1.107 in meno.

Questo è il valore più basso dal 22 marzo.

Il 73% degli asintomatici è in isolamento a casa. Il totale è 78.364.

Le persone decedute oggi sono state 575.

Il totale dei guariti è di 42.727 con un aumento di 2.563 persone.

Questo è il valore più alto mai raggiunto. 

I volontari della Protezione Civile in campo sono 19.913.

Le tende per il pre-triage di fronte agli ospedali sono 878, di fronte ai penitenziari restano 151.

La cifra raccolta a favore della Protezione Civile è arrivata a 127 milioni di euro di cui 34 impiegati per l'emergenza.

Domani parte un nuovo contingente di 99 infermieri da destinare poi alle diverse regioni.  

Borrelli fa poi sapere che le conferenze della Protezione Civile si terranno il lunedì e il giovedì già a partire dal 20 aprile.

Prima di concludere il suo intervento, Borrelli torna allo scambio avuto qualche giorno fa, in conferenza stampa, con l'ex ministro Guidi sul tema della disabilità.

Lo fa leggendo qualche passaggio di una lettera ricevuta da Elio, padre di un ragazzo con diagnosi di autismo. Nonostante la loro vita fosse cambiata, padre e figlio hanno continuato a viaggiare insieme.

Nel preparare la valigia, lasciavano sempre uno spazio.

Lo spazio per la speranza.

Borrelli si augura che queste parole siano di esempio e sprone per tutti.  

 

La parola passa quindi al prof. Locatelli. Dopo aver sottolineato il calo positivo delle terapie intensive e il funzionamento delle misure di contenimento offre il suo omaggio, in quanto rappresentante dello Stato, alle vittime dell'epidemia.

Di fronte a un virus che ha portato via tante vite, "artigliando" così le nostre coscienze serve, a suo dire, un ripensamento della cultura della donazione.

Ricorda quindi che domenica 19 aprile è la Giornata Mondiale per la Donazione degli Organi.

Sottolinea che, nonostante la pandemia sono stati eseguiti 330 trapianti di organo e altrettante infusioni di cellule staminali. Ringrazia tutti gli attori coinvolti e conclude dicendo "chi non dona è come un seme che non germoglia".

Il discorso si sposta poi sui test sierologici per dire che il Cts ha fornito ad Arcuri i criteri con cui scegliere: elevata sensibilità e affidabilità, validazione da parte di un laboratorio, che dovrà essere presente in ogni regione campione e rapidità nella diagnosi.

Nelle prossime ore le aziende produttrici potranno presentare la propria candidatura. Questa specie di bando resterà aperto per cinque giorni.

La scelta sarà affidata a una commissione.

Partirà poi la fase pilota.

Ultima considerazione riguarda il ruolo di Aifa. Locatelli ci è tornato più volte nel corso delle conferenze stampa, ma lo fa ancora. Elogia il  ruolo nella validazione dei progetti di ricerca, nella farmaco vigilanza e per aver garantito le scorte di medicinali agli ospedali.

Finisce qui la conferenza stampa.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni