IL PROBLEMATICO FUTURO DELL’INFORMAZIONE SU CARTA

Muzzano, 22 marzo 2019 - serata 50 anni centro stampa con un dibattito sul futuro dei giornali moderato dall'ex direttore del Corriere della Sera Ferruccio de Bortoli - da sinistra Fabio Soldati, editore del CdT, Feruccio de Bortoli, Pietro Supino, presidente del Gruppo Tamedia e Urbano Cairo, presidente di RCS Group (FOTO REGUZZI)

Dibattito tra editori nel 50° anniversario del Centro Stampa Ticino

In vent’anni i quotidiani italiani hanno dimezzato le vendite, né va meglio per i periodici. Il pilastro pubblicità (vendite e abbonamenti non garantiscono il pareggio delle aziende editoriali, figurarsi gli utili), si è fortemente ridimensionato,  soprattutto dopo la Grande Recessione del 2008.  Assediata dal web, non amata dall’opinione pubblica, l’informazione offre ogni giorno un bollettino di guerra da ritirata di Russia, elencando chiusure, licenziamenti,  ridimensionamenti. Per non morire - e questo è altamente improbabile, vedi quanto sta avvenendo per i libri, dei quali inattendibili Cassandre avevano già recitato il 'de profundis' - la carta stampata deve comunque sviluppare le piattaforme digitali, diversificare l’editoria on line, gestire l’intermediazione con il pubblico nell’e-commerce. E soprattutto smettere di regalare l’informazione ai social. 
L’informazione attendibile, di qualità, costa. Basti vedere la progressiva riduzione del numero di inviati qualificati sui vari fronti - di guerra, dell’economia, della politica - progressivamente sostituiti da free-lance non sempre professionalmente preparati. 
Il tema scottante e particolarmente delicato – se è vero come è vero che da una corretta informazione dipende la democrazia, base dei valori occidentali - è stato affrontato in occasione del cinquantesimo compleanno del Centro Stampa Ticino di Muzzano (Svizzera), il più importante a sud di Zurigo, al quale hanno preso parte importanti personalità del mondo politico, economico e dell’editoria. Il direttore Stefano Soldati ha riunito oltre cento ospiti - tra i quali i dirigenti del Corriere del Ticino, Fabio Pontiggia direttore, Bruno Costantini vice, Tarcisio Bullo, i rappresentanti della famiglia fondatrice del Corriere, Antonio ed Emanuela Soldati con i figli Benedetta, Matteo e Stefano, il presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici con la consorte signora Giovanna, la figlia Giulia e Stefano Simontacchi, l'ex vescovo di Lugano Pier Giacomo Grampa, Lino Terlizzi, Giancarlo Dillena, Adriano Cavadini, Marco Cameroni, l'avvocato Bernasconi, l'editore Hoepli di Milano. 
I presenti hanno avuto modo di partecipare a una conferenza sul futuro dei giornali, moderata da Ferruccio de Bortoli, già direttore del Corriere della Sera ed editorialista del Corriere del Ticino. Relatori Urbano Cairo, presidente di RCS MediaGroup; Pietro Supino, presidente del Gruppo Tamedia; Fabio Soldati, presidente del Gruppo Corriere del Ticino. 
Nel difficile contesto attuale, diventa fondamentale salvaguardare il diritto d’autore, oggetto di un acceso dibattito anche nell’Unione Europea; garantire finanziamenti pubblici ai mezzi di comunicazione, ha sottolineato Cairo, e riesaminare la situazione della tv pubblica la quale, oltre a ricevere finanziamenti dallo Stato attraverso il canone imposto agli utenti, drena ingenti risorse pubblicitarie ai media privati.   

Nella foto: 
 - da sin. Fabio Soldati, Ferruccio De Bortoli, Pietro Supino, Urbano Cairo