MATTIA RESPIRA DA SOLO

Il primo contagiato italiano da coronavirus sta meglio

Nella giornata di ieri, 9 marzo, una notizia è passata, forse, sotto silenzio, travolta dagli eventi che parlano di nuovi casi ed emergenze sanitarie.

Il primo paziente italiano di coronavirus, l'uomo di 38 anni di Codogno è tornato a respirare da solo.


Non è più la macchina della terapia intensiva a tenerlo in vita ma i suoi polmoni. L'annuncio era stato dato ieri dall'assessore al welfare della Regione, Giulio Gallera.

Mattia, questo il suo nome, è ricoverato a Pavia, mentre la moglie incinta di 8 mesi era stata trasferita all'ospedale Sacco di Milano, contagiata ma non in pericolo di vita. È potuta rientrare a casa giusto qualche giorno fa.

Le sue condizioni di salute hanno fatto registrare un significativo miglioramento e ciò potrebbe rappresentare un primo passo verso la guarigione.

Mattia era in terapia intensiva dal 20 febbraio.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni