Municipi

Sono rose?

Con lo scorso 16 aprile 2016, si è concluso il percorso di trasformazione dei Consigli di zona in Municipi. Allora, tutto bene? 
Alcune cose sono certe e innovative. Ciascuno dei Municipi (sempre nove, come i precedenti Consigli di zona) ha 30 consiglieri di municipio (presidente compreso), rispetto ai precedenti 41 consiglieri di zona. Poi, il Presidente di Municipio viene eletto direttamente dagli elettori e percepirà un compenso di 42.701 euro lordi/anno. Quindi, ci sono tre Assessori (uno può anche non essere consigliere di Municipio) e anche un presidente del Consiglio di Municipio, che percepiranno un compenso di 17.080 euro lordi/anno (il 40% di quanto percepito dal presidente di Municipio annuo lordo). Non ci iscriviamo né alla fazione degli “ottimisti”, per i quali adesso cambierà tutto, né dei “pessimisti”, per i quali non cambierà niente.
Invece, come abbiamo più volte affermato, i Municipi devono essere funzionali all’amministrazione delle Periferie (il Centro ha altri problemi e, comunque, è presidiato da Palazzo Marino, con tutti i suoi assessori e funzionari). 
Quindi, per evitare ennesime delusioni e crearsi aspettative infondate, è utile un piccolo inquadramento storico. In merito, ricordiamo che il Regolamento dei Municipi approvato in questo 2016 - e ci sono voluti cinque anni! – sostituisce il Regolamento dei consigli di zona del 1997, mai applicato, che a sua volta aveva sostituito il Regolamento dei consigli di zona del 1977, mai applicato. 
Allora, il punto è questo: non è sufficiente l’approvazione di un Regolamento, perché poi il rischio è che non venga applicato, ed è l’unica cosa certa avvenuta in questi quarant’anni. Il problema non è quello di incolpare qualcuno, ma di avere ben presente che c’è una stratificazione “politico-burocratica” –  in una recente presentazione in quel di Baggio è stata definita “centralistica” e con alta stima di sé – che, nei fatti, ha sempre bloccato tutto.
Allora, le Municipalità non possono rischiare di essere dei Consigli di zona con qualche fiocchetto in più. Invece, devono realizzare un modello organizzativo idoneo a conseguire il massimo coordinamento dei servizi e uffici decentrati tra loro e, nello stesso tempo, dei rapporti tra questi e quelli centrali (Andrea Borruso. Una esperienza di decentramento urbano, 1975). 
Perché una cosa è chiara e sotto gli occhi di tutti: la città (e le periferie in particolare) non si governa da Palazzo Marino e, tanto meno, si risolvono i problemi, con i Sindaci che di volta in volta si sono succeduti, che si sono accorti di avere le armi spuntate. Chiunque sia il nuovo Sindaco.                     
Walter Cherubini

ECLISSI

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni