SUL TURISMO LA UE LAVORA A REGOLE COMUNI

Abbiamo assistito nelle ultime ore a numerose false notizie sul lavoro che la Commissione sta mettendo in campo per rilanciare il turismo su scala europea.

Il 13 maggio 2020 è stato presentato un pacchetto di orientamenti e raccomandazioni per ragionare su un graduale ritorno alla normalità al fine di consentire al settore turistico di ripartire, nel rispetto delle esigenze tutela della salute e sicurezza dei viaggiatori comunitari.
È bene chiarire però che il quadro proposto dalla Commissione non crea nessuna discriminazione tra gli Stati membri, ma propone un punto di riferimento ragionevole, applicabile su tutto il territorio dell'Unione per riattivare i corridoi turistici non appena la situazione epidemiologica lo consentirà.
I viaggi potranno essere consentiti in Europa, anche con differenziazioni subterritoriali all'interno degli Stati membri, in cui la situazione sta migliorando, sulla base degli orientamenti del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Questo consentirà di assicurare flessibilità, gradualità e sicurezza sanitaria nella ripresa delle attività turistiche in tutta l'Europa, in particolare nel nostro Paese". Così i deputati dem della commissione Politiche europee, Piero De Luca, Marina Berlinghieri e Filippo Sensi.
Marina Berlinghieri

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni