UNA TARGA A MEMORIA DELLE VITTIME DI FEMMINICIDIO

Il Municipio 7 si fa promotore di un’iniziativa popolare contro la violenza sulle donne

“In memoria di tutte le donne vittime della violenza maschile, alle vittime di violenza assistita e agli orfani di femminicidio. Impegniamoci insieme affinché non accada più e venga contrastata la cultura nociva della violenza. L’amore non fa male e non uccide. Insieme, dentro e fuori le istituzioni, dobbiamo costruire una società e relazioni paritarie, fondate sulla cultura del rispetto. Le donne e gli uomini del Municipio 7?, questo il testo di proposta di iniziativa popolare avviata da un gruppo di cittadini e cittadine del Municipio 7 con il sostegno del PD per realizzare una targa in ricordo delle vittime di violenza e dei femminicidi, donne che non hanno avuto la possibilità di realizzare i propri sogni a causa della violenza maschile. “Questa strage che passa sotto silenzio merita l’attenzione di tutta la società civile e politica. La targa parlerà anche a tutte le persone che vivono situazioni di violenza, per ribadire che non sono sole, che con il giusto aiuto la via d’uscita c’è e la violenza non è un destino ineluttabile e immutabile.” Così ha affermato Lorenzo Boati, presidente di commissione Diritti e Politiche Sociali, con deleghe alle Pari Opportunità, non nuovo a iniziative di questo tipo, già sostenitore della campagna “Posto Occupato” che voleva portare attenzione sugli episodi di violenza per dire come quelle donne che erano accanto a noi in tram, in metrò, a teatro, a scuola, nella società non avevano più vita. 

Continua Boati: “L’impatto della violenza contro le donne non tocca soltanto le vittime, ma riguarda anche le famiglie, gli amici e la comunità sociale intera. Richiede una visione critica di come la società, lo Stato e le sue istituzioni rispondono a questo abuso. Sono dunque necessarie misure per combattere e prevenire la violenza contro le donne. È importante e prioritario ribadire un impegno pubblico, politico di fronte a questi atti, perché la violenza riguarda ciascuno di noi e non è un fatto privato”. E la targa va a rafforzare il simbolo e il contributo del “Posto Occupato” e darebbe una testimonianza di presa di responsabilità da parte dell’intero Municipio e di tutta la cittadinanza. Una targa per ribadire e confermare un impegno politico permanente contro la violenza di genere. Una targa per richiamare cittadini e istituzioni a un’azione congiunta contro la violenza di genere. Perché le storie di queste Donne e dei loro figli non si perdano nel silenzio e nell’oblio, ma risveglino le coscienze di tutti per porre le basi di azioni concrete di contrasto.

GIUSI DE ROMA

 

 


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni