ALLE 5 DA ME

Al Carcano due attori per 10 personaggi


È in programma al teatro milanese Carcano da giovedì 4 aprile fino a domenica 14 la commedia brillante "Alle 5 da me", del commediografo francese Pierre Chesnot, classe 1935, il quale ha costruito una commedia di classe affidata nell'edizione italiana a due attori Gaia De Laurentiis e Ugo Dighero, già insieme in un precedente lavoro di Chesnot: "L'inquilina del piano di sopra". Gli attori, soli sul palco, danno vita a cinque personaggi ciascuno: cinque donne e cinque uomini, che per via della loro innegabile bravura riescono a trasformarsi ma non a sformarsi in altrettanti credibili personaggi. Gaia De Laurentiis è nata a Roma negli anni '70, sotto il segno dei pesci. Nella seconda metà degli anni Ottanta si è trasferita a Milano per frequentare la scuola teatrale di Giorgio Strehler e - nel 1990 - consegue il diploma al Piccolo Teatro. Farà poi ritorno nella sua amata Roma per debuttare due anni dopo con lo sceneggiato televisivo "Camilla, parlami d'amore". Al grande pubblico verrà rivelata nel 1993 con la trasmissione "Target", in onda su Canale 5 in seconda serata. Un rotocalco televisivo che parlava di spettacoli andati in onda in televisione, al quale Gaia contribuirà nel farlo decollare. Questo per quattro anni, fino a quando nel 1997 si concluderà il ciclo per far partire: sempre con la sua brillante ed effervescente conduzione, "Ciro, il figlio di Target", fino al 1998. La De Laurentiis è figlia del regista teatrale Carlo Battistini e dell'insegnante di pianoforte Lucia De Laurentiis, dalla quale prenderà il cognome perché più bello e più noto. E dalle note che compongono la scala musicale la ragazza scalerà via via i gradini che la innalzeranno al successo concretizzato con film per il cinema e per la televisione, ai quali si affiancheranno programmi tv e rappresentazioni teatrali. Fra queste ultime - ma generalmente prime per qualità - "My Fair Lady" nel 2004, a fianco di Corrado Tedeschi e Gian Fabio Bosco. Ci sono attori che pur recitando con grande bravura lo fanno con sostanziale freddezza. Altri che cercano di supplire con la simpatia a una scarsità di talento. Gaia De Laurentiis porta la sua grande carica umana in scena, carica che è un concentrato di scintillante bravura e - pare di capire - di disarmante sensibilità quale solo un fiore non ancora mutatosi in albero con la corteccia designata a proteggerne la linfa vitale possiede.
Al di là del valore della commedia rappresentata sul palco la bravura indiscussa degli interpreti riesce a far trascorrere velocemente i novanta minuti agli spettatori nella bella sala del teatro, fondato il 3 settembre 1803 e che vide tra le tante altre cose, anche le barricate delle Cinque Giornale innalzate nel 1848.
Al Carcano le giornate rappresentate sono invece il doppio, suffragate dalla doppia bravura degli attori protagonisti, che si sdoppiano più volte mutando personalità seppur restando due creature di sesso opposto che si oppongono e contrappongono a vicenda con la guerra che la contrapposizione dei sessi impone fin dalla nostra apparizione sulla Terra.

Antonio Mecca