ATTUALISSIMO L’APPELLO DI DON STURZO AGLI UOMINI “LIBERI E FORTI”

Cento anni fa la fondazione del Partito Popolare Italiano

Il 18 gennaio 1919 con il celebre appello rivolto agli uomini “liberi e forti” don Luigi Sturzo fondava il Partito popolare italiano che sanciva il ritorno alla politica dei cattolici dopo la frattura tra Stato e Chiesa seguita alla presa di Roma, capitale del papato, da parte delle truppe dell’Italia riunificata. Una data storica che, come scrive “L’Osservatore Romano”, parla di oggi e spinge a guardare con timore, ma senza paura, al domani. Ovvio quindi che siano molti eventi a ricordarla. Tra questi, il convegno organizzato a Roma dalla Fondazione Fiorentino Sullo, presieduta da Gisnfranco Rotondi, presso la Camera dei Deputati. Al convegno sono intervenuti. Gennaro Sangiuliano, Calogero Mannino, Roberto Lagalla, Rocco Buttiglione.
Se è vero che la storia non si ripete identica a se stessa, è altrettanto vero che si ripete costantemente con diverse modalità. Per questa ragione il messaggio lanciato allora da don Sturzo mantiene oggi una piena validità. Diceva che un’Europa fatta di stati «vinti e poveri», dopo la catastrofe della guerra e all’interno di rapide trasformazioni sociali (che oggi potremmo chiamare con il termine di globalizzazione), può cadere facilmente vittima delle esasperazioni ideologiche come la stato-latria e l’idolo del nazionalismo, vero nemico della democrazia e della pace. Ecco perché si appellava agli uomini, e non solo ai cattolici.
Il programma del Partito Popolare elencava alcune riforme che germoglieranno dopo il ventennio fascista: il suffragio universale esteso alle donne, il proporzionalismo, le autonomie locali, l’importanza dei corpi intermedi, la riforma del sistema fiscale in senso progressivo, l’importanza centrale della dimensione internazionale della politica.

Achille Colombo Clerici

Nella foto, Gianfranco Rotondi con Achille Colombo Clerici 


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni