COME IL CALOR DEL GRAN PIANETA ARDENTE

Vittoria Colonna 
(Marino, aprile 1490 o 1492 – Roma, 25 febbraio 1547) è stata una poetessa e nobildonna italiana.

Come il calor del gran pianeta ardente
dissolve il ghiaccio, o ver borea turbato
fuga le nubi, così il Sole amato
nïun basso pensier nel cor consente.

Vien donno nel suo albergo e la mia mente
di suo’ nimici sgombra, ond’è illustrato
mio spirto alor dal suo lume beato;
l’altre cure men degne ha in tutto spente.

Or, se ciò è in terra, che fia dunque poi
che sarà tolto il grave mortal velo,
sì che tanto splendor non mi contende?

Temo sol che sì lieta i raggi suoi
vedrò ch’altro maggior lume nel Cielo
non mi fia noto, n’altro ardor m’accende.



Se in terra la luce spirituale del marito è così intensa, come sarà poi nel cielo? L’autrice teme che la felicità di rivederlo in paradiso possa offuscare la visione di Dio.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni