CORONAVIRUS, 22 FOCOLAI ATTIVI IN VENETO

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha reso noto che nella regione sono attivi 22 focolai di coronavirus

Nonostante l’ultimo bollettino sul coronavirus in Italia abbia registrato il numero minimo di nuove vittime legate al Covid-19 da febbraio, continua a tenere in apprensione l’andamento della pandemia nel nostro Paese. Sono diversi ancora, infatti, i focolai di coronavirus attivi in Italia.

A questo proposito, il presidente del Veneto Luca Zaia ha reso noto nel pomeriggio di lunedì che nella regione sono attivi 22 mini focolai.

Il governatore, come riportato da ‘Ansa’, ha spiegato che, per “focolaio“, si intendono 2 o più casi collegati tra loro.

Sul totale dei focolai attivi in Veneto, 13 riguardano famiglie o gruppi di persone, mentre 9 sono presenti in strutture per anziani.

A fine maggio, tra il 25 e il 31 del mese, erano stati censiti 132 focolai. Nella settimana dal 1° al 7 giugno erano scesi a 75, poi a 56 in quella successiva e a 35 nella settimana dal 15 al 21 giugno.

L’ultimo rilievo ha fatto emergere due importanti focolai. Uno, di 6 persone positive, a Feltre: due commessi di un negozio, poi chiuso, due loro amici e altri due loro familiari.

Altre 10 persone sono risultate positive nel territorio di competenza dell’Usl 6 di Padova: un contagio è partito da una badante rientrata in pullman dalla Moldavia, che poi ha coinvolto un’altra coppia di connazionali nel padovano e altri 8 cittadini moldavi che viaggiavano nello stesso mezzo. Oltre a loro, sono risultate positive anche l’anziana per la quale la donna presta servizio e la figlia di quest’ultima.


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni