I MORTI NON SOGNANO

In 900 pagine i 64 racconti di Ed McBain

È da poco uscito uno splendido volume di oltre novecento pagine contenente ben 64 racconti scritti da Ed McBain negli anni a partire dal 1953 fino al 2000. Il racconto che dà il titolo alla raccolta: "I morti non sognano", stranamente non è incluso. Si tratta di un racconto risalente al 1953, uscito quell'anno con lo pseudonimo di Curt Cannon, dal nome del detective protagonista. Comunque sia il libro - pubblicato da Mondadori e tradotto da Luca Briasco, Mauro Boncompagni, Roberto Santachiara, Luciana Crepax e Roberta Ferrari, con prefazione di Maurizio de Giovanni - risulta importante non solo per gli affezionati lettori dello scrittore americano ma anche per tutti coloro che amano la letteratura statunitense, il suo stile particolare fatto di battute e dialoghi spesso scintillanti, che non luccicano semplicemente come perline di vetro ma rappresentano vere e proprie perle. McBain è stato un maestro del poliziesco e non solo; perché a partire dal 1952 con quello che era diventato il suo nome legale: Evan Hunter, scrisse anche romanzi e racconti di altro genere nei quali la violenza non veniva contemplata.
Fra i 64 racconti qui accolti, ve ne sono alcuni di genere fantascientifico o di non genere, come gli splendidi "L'equivoco", "La stella del cinema" o un quasi western come "La donna di Carrera". È indubbio però che il meglio di sé Hunter-McBain lo ha dato con il genere mystery, soprattutto e specialmente con lo pseudonimo di Ed McBain e la serie dell'87°distretto. Con questa serie che va dal 1956 al 2005 e che comprende oltre 50 romanzi e 10 racconti il giovane autore prima, l'uomo maturo poi, quello anziano infine descrive l'America e i suoi miti che piano piano vanno sbriciolandosi fra le mani essendo essi fragili come quelle bocce di cristallo che una volta agitate fanno piovere neve e acqua sul paesaggio sottostante. Quella neve da bianco Natale che per decenni - fino agli anni '60 - '70 del Novecento - Hollywood ci ha ammannito, quasi fosse un'America diversa da quella che aveva sterminato gli indiani, confinandoli in riserve sempre più ristrette, l'America dove potenti super polizie sembravano contrastare più un utopico pericolo rosso che non il reale pericolo mafioso con a capo pezzi da novanta che con quel numero cabalistico rappresentano la paura. Però l'America: contradditoria a dir poco, non fu e non è soltanto questo. L'America così tanto bistrattata è quel grande Paese che ha contribuito a vincere due guerre mondiali gettando, sul piatto della bilancia impugnata dalla Giustizia, la spada necessaria col suo peso a far sollevare l'altro piatto reggente il male incarnato da ideologie aberranti. L'America è anche, come scriveva Chandler su un giornale londinese, quel popolo che manifesta la sua solidarietà in maniera molto fattiva.
"Un inglese per mostrare la propria solidarietà, ti dà la sua mano. Un americano ti dà la sua camicia".
Leggere questo bel libro di Ed McBain che rappresenta uno spaccato dell'America contemporanea all'epoca in cui l'autore scriveva questi racconti - quasi tutti usciti negli anni '50 e '60 - significa aprire una finestra che offre un panorama abilmente riprodotto da un maestro dell'immagine. La poesia di Ed McBain la si ritrova in racconti come "Agonia", dove protagonista è uno di quei componenti di bande giovanili che spesso si aggrediscono a vicenda e per quale motivo, poi? Per "difendere" il proprio territorio, vale a dire poche decine di metri quadri di strade ed edifici puzzolenti; oppure in "Smetto quando voglio", storia di un giovane e forse irrecuperabile tossicodipendente, o, anche, in "Roulette russa", dove ancora due giovanissimi appartenenti a bande rivali, si affrontano con il sistema della roulette russa, che consiste nell'infilare un proiettile nel tamburo di un revolver, farlo ruotare e poi premere il grilletto della pistola dopo essersela puntata alla tempia. Proprio quando fra i due ragazzi comincia a nascere una certa amicizia, uno dei due muore "suicida". Lo stile di McBain è leggero e pudico anche quando descrive fatti e fattori nudi e crudi, e appassionante anche quando parla di investigatori privati, che a lui non piacevano granché. Ma si legga lo splendido "Volo mortale" per ricredersi. Ed McBain, originario da parte dei nonni dell'Italia del Sud, fu durante la seconda guerra mondiale marinaio. Se allora solcò le acque dell'oceano  a bordo della sua nave da guerra, nel dopoguerra solcò le acque non sempre trasparenti della letteratura percorrendo nodi su nodi anche qui fino a formare una gomena con la quale attraccare nel porto tranquillo del Parnaso degli scrittori. 

Antonio Mecca  

 

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni