IL PERSONAGGIO DEL LUNEDI’ MARTINA PIEMONTE E CECILIA PRUGNA

Due ragazze, nate lo stesso giorno e lo stesso anno unite dalla stessa passione




Martina Piemonte e Cecilia Prugna nascono rispettivamente a Ravenna e a Pisa il 7 novembre 1997

 

Quello che riesce a fare lo sport a volte, è incredibile: due ragazze nate lo stesso anno e giorno, unite dalla stessa passione per il calcio, combattono per lo stesso obiettivo; far vincere la Nazionale Femminile.

Martina piemonte gioca nel Milan dove ricopre il ruolo di attaccante. Ha iniziato a giocare giovanissima con i maschi in una squadra dell’Emilia Romagna. Nel 2012 inizia l’attività agonistica nella squadra femminile ‘Cervese’. Nello stesso anno, a causa dell’assenza di una giocatrice, viene convocata nella formazione che gioca in Serie A. Nel 2014 passa nel ‘San Zaccaria’. Nel 2016 si trasferisce al ‘Verona’, con la quale gioca la ‘Coppa UEFA’. Nel 2017 passa al Siviglia per poi trasferirsi, nel 2018, alla Roma. Nel 2019 ritorna in Spagna, passando al ‘Betis’. Nel 2020 si trasferisce alla Fiorentina per poi passare, nel 2021, al Milan.

Martina Piemonte con la Nazionale Under 17 è arrivata terza agli Europei del 2014 e ai Mondiali della Costa Rica.

Il 14 giugno 2014 esordisce nella Nazionale Superiore giocando nella partita contro la Repubblica Ceca valida per l’ammissione al Mondiale del 2015. Grazie a tale convocazione risulta essere, a sedici anni, la più giovane giocatrice in una Nazionale Femminile. Nel 2016 partecipa al Torneo Internazionale ‘Manaus’. Nel febbraio 2022 viene convocata per il Torneo annuale di ‘Algarve’. Sfortunatamente subisce un infortunio e salta le partite del secondo turno. Dal mese di aprile partecipa alle partite per la qualificazione al Mondiale del 2023 e al Campionato Europeo ‘Women’s’ 2022.

Cecilia Prugna , in prestito dalla Roma, gioca nella Sampdoria.

Il ruolo che ricopre è quello di centrocampista offensiva, pronta a schierarsi con le attaccanti e a mettere la palla in rete.

Ha cominciato a giocare a sette anni e strada ne ha fatta tanta. Prima di giocare nella Sampdoria ha giocato nel Castelfranco, nell’Empoli Ladies e nella Roma. Nel 2016 gioca nella Nazionale Femminile Under-19 e dal 2021 in quella Maggiore.

Martina Piemonte e Cecilia Prugna contribuiscono a diffondere e a far apprezzare il calcio femminile. Il calcio femminile, in Italia, ha radici lontane. La prima squadra, il ‘Gruppo Sportivo Femminile’, viene fondata nel 1933 a Milano. Le giocatrici giocano indossando delle lunghe e fastidiose sottane. L’iniziativa di Milano piace, altre squadre vengono fondate in altre città, ma non è gradita dal C.O.N.I. . Il C.O.N.I. impedisce alle donne di giocare, indirizzandole verso altri sport. Il calcio femminile dai suoi esordi non ha vita facile: impedimenti, limitazioni di ogni genere vengono introdotte, senza riuscirci, per “farlo morire”.

Allo stato attuale nella Serie A giocano dieci squadre, nella Serie B sedici squadre mentre la Serie C è suddivisa in tre Gironi in cui giocano sedici squadre ciascuno. Le squadre, in tutte e tre le Serie si affrontano in una partita di andata e una di ritorno. Alla squadra che vince vengono assegnati tre punti, a quella che perde zero mentre in caso dello stesso numero di goal segnati un punto ad ognuna. Le ultime tre squadre classificate nella Serie A passano alla Serie B e viceversa le prime delle tre della Serie B alla A (le prime due passano automaticamente mentre la terza deve fare i play off con la quarta a meno che abbia più di quattordici punti).

Impedimenti o limitazioni la cosa certa è che il Calcio Femminile ha sempre più estimatori che, a detta degli esperti, continueranno ad aumentare.

A cura di Flavio Fera

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni