IL RACCONTO DEI LETTORI

LA SVEGLIA SUONA UNA DOMENICA MATTINA

Come sempre, al suono della radiosveglia alla sei e venti mi accuccio ancora di più sotto le coperte, girandomi ad abbracciare mia moglie. Sono attimi a cui non rinuncerei mai, il suo profumo mattutino mi sveglia con dolcezza. Poi quando si gira e mi sorride ha ancora lo sguardo sbarazzino che aveva quasi quarant’anni fa quando l’ho conosciuta. Ma non è che un attimo, ha la capacità di riaddormentarsi in un nanosecondo!
Ma questa mattina, dopo pochi minuti mi accorgo che alla radio la trasmissione non è quella solita. Controllo che orario e frequenza siano giusti: tutto a posto. Forse è successo qualcosa, magari i redattori non si sono svegliati, visto che a quest’ora di solito c’è il primo radiogiornale della giornata.
Boh! Comunque sia, mi alzo, come ogni mattina mi preparo il caffèlatte e poi ci inzuppo del pane raffermo, sempre ascoltando distrattamente la radio. Il mio cane mi gira intorno scodinzolando, occupando buona parte dello spazio in cucina: come tutte le mattine non vede l’ora di uscire.
Appena in strada, dopo che abbaiando con il suo vocione ha avvisato tutti che è sveglio e pronto ad assumere il comando delle operazioni - è lui che porta in giro me e non viceversa - mi accorgo che c’è meno gente e al giardinetto non c’è addirittura nessuno. Peccato, da qualche giorno, dopo mesi di incroci mattutini, avevo iniziato a chiacchierare con una affascinante signora dalla chioma argentata che ha sempre qualche interessante storia della vecchia Milano da ricordare. E l’incontro interessa anche il mio Geo, perché lei si accompagna ad una cagnolona che sembra essere entrata nelle sue grazie, visto che di solito se ne sta sempre sulle sue e abbaia a tutti gli altri cani.
Dopo una passeggiatina nel parco mi avvio verso la panetteria, a quest’ora di solito deserta, ma già con allettanti profumi di briosce e focacce ancora calde di forno. Appena girato l’angolo mi accorgo che è chiusa. Il mistero si infittisce: vuoi vedere che durante la notte è veramente successo qualcosa e nessuno mi ha avvisato?
Tornando verso casa, davanti all’edicola non noto il solito assembramento di persone. C’è solo Antonella, la giornalaia, che sta ancora sistemando i giornali nuovi.
“Ciao Anto, come va?”
“Bene - mi risponde lei – ma cosa ci fai in giro così presto di domenica?”
Ecco svelato il mistero: ieri sera mi sono dimenticato di spegnere la sveglia! Glissando sulla mia dabbenaggine le dico:
“Ho visto che il bar qua dietro ha già aperto. Smetti di sistemare i giornali, ti offro la colazione.”
Ma entrati nel locale deserto, Arturo ci dice che ha appena acceso la Gaggia e ci vorrà non meno di una decina di minuti perché entri in pressione. Beh, pazienza. Lascio il caffè pagato per l’Anto, che è già tornata a sistemare i giornali, e mi avvio verso casa.
“Ne approfitterò per farmi un giretto in bicicletta” mi dico. Mi piace fare un giro in centro quando non ci sono gli automobilisti frenetici e tutti gli autobus dei giorni feriali. Così, dopo una decina di minuti pedalo verso porta Ticinese lungo il naviglio, che nel fresco mattutino non esala ancora odori molesti. Poi, passato a fianco di Sant’Eustorgio, entro nei giardinetti verso piazza Vetra. Da li mi avvio per le antiche viuzze verso il Duomo, poi lungo le strade dello struscio fino al Castello e al retrostante Parco Sempione, pieno dei profumi dell’estate. Dopo avere aggirato il laghetto, ravvivato da quattro papere starnazzanti perché un cagnolino lasciato libero si è tuffato nell’acqua al loro inseguimento, proseguo verso via Mario Pagano, con i suoi bei palazzi nobiliari. Da un giardinetto all’altro arrivo in via Solari e poi piazza Napoli. Questo era un tempo un quartiere popolare di fabbriche e operai, oggi lungo la via si susseguono atelier di moda e locali della movida serale, ricca di alcol e cocaina. Infine, di nuovo lungo il Naviglio verso la mia periferia.
Quando rientro a casa non sono ancora le nove. Preparo il caffè per mia moglie, glielo porto a letto, mi svesto e ritorno a letto. E poi…
Buona domenica amore mio.

Marco Lucio Fasan

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni