IL SANTO DEL GIORNO 28 febbraio

San Romano , Abate, francese,
fondatore dell'Abazia di Condat

Il monachesimo fu non solo un fecondo movimento religioso cristiano. Esso accolse e protesse i migliori elementi della civiltà latina che i barbari stavano distruggendo ovunque in Italia prima e in Europa poi.   Il francese San Romano fece parte della innumerevole schiera di santi monaci, che produssero il progresso civile e spirituale nel Medio Evo.
Romano di nome e di spirito entrò giovane nell’abbazia d’Ainay, presso Lione. Ne uscì poco dopo, non per gettare il saio alle ortiche, ma per perfezionare il suo cammino spirituale con una vita solitaria tra i monti del  Giura, in preghiera e penitenza. La santità è contagiosa: presto altri lo seguirono, come suo fratello Lupino. Fu fondata l’Abbazia di Condat, a cui seguirono un monastero, a Leucone, poi un terzo, che prese il nome di Saint Romain de la Roche. Romano, di carattere dolce, si appoggiò al fratello, più severo e rigoroso per governare con fermezza i monasteri. Si narra che una volta, in pellegrinaggio nel territorio di Ginevra, mentre trascorrevano la notte in una capanna abbandonata, furono raggiunti da due lebbrosi, che vi soggiornavano. Romano, non schivò i due infelici, ma li abbracciò come fratelli in Cristo. La mattina successiva, quando Romano e Lupino si congedarono, i due lebbrosi erano mondati dal male.
La diarchia, cioè la collaborazione tra i due fratelli nel governo dei monasteri da loro fondati, si sciolse soltanto con la morte di San Romano, avvenuta alla fine del V secolo, quando aveva settant'anni, e quando ormai le montagne del Giura erano letteralmente cosparse di Abbazie nelle quali, insieme con la fede, si salvava la civiltà occidentale.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni