IL VISCONTE DIMEZZATO - Italo Calvino

La letteratura universale
a cura di Antonella Di Vincenzo

INCIPIT
Cera una guerra contro i turchi.Il visconte Medardo di Terralba, mio zio, cavalcava per la pianura di Boemia diretto allaccampamento dei cristiani.Lo seguiva uno scudiero a nome Curzio.Le cicogne volavano basse, in bianchi stormi traversando laria opaca e ferma.- Perché tante cicogne? - chiese Medardo a Curzio, - dove volano? Mio zio era nuovo arrivato, essendosi arruolato appena allora, per compiacere certi duchi nostri vicini impegnati in quella guerra.Sera munito dun cavallo e duno scudiero allultimo castello in mano cristiana, e andava a presentarsi al quartiere imperiale.

FINIS

Il dottore salutò tutti a Terralba e ci lasciò.I marinai intonarono un inno: «Oh, Australia!» e il dottore fu issato a bordo a cavalcioni duna botte di vino cancarone.Poi le navi levarono le ancore.Io non avevo visto nulla.Ero nascosto nel bosco a raccontarmi storie.Lo seppi troppo tardi e presi a correre verso la marina, gridando: - Dottore! Dottor Trelawney! Mi prenda con sé! Non può lasciarmi qui, dottore! Ma già le navi stavano scomparendo allorizzonte e io rimasi qui, in questo nostro mondo pieno di responsabilità e di fuochi fatui.

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni