LE ANIME MORTE - Nikolaj Gogol

La letteratura universale
a cura di Stelio Ghidotti

INCIPIT

Nel portone di un albergo della città di N., capoluogo di governatorato, entrò un calessino non grande. Abbastanza decoroso, molleggiato, sul tipo di quelli in cui viaggiano gli scapoli, i tenenti colonnelli in congedo, i capitani in seconda, i proprietari di un centinaio di anime di contadini, in una parola tutti coloro che sono detti signori di mezza tacca. Nel calessino stava seduto un signore, non bello, ma neppure brutto, né troppo grasso né troppo magro, che non si sarebbe potuto dir vecchio, ma nemmeno molto giovane. IL suo ingresso non suscitò in città scalpore alcuno e non fu seguito da nulla di straordinario; soltanto due contadini russi, in piedi presso la porta dell’osteria dirimpetto all’albergo, fecero alcune osservazioni riguardanti, del resto, più il veicolo che il viaggiatore.


FINIS

Vi invito a ricordarvi del dovere che incombe ad ognuno, qualunque sia il posto che occupa. Vi invito a considerare più da presso il vostro dovere e gli obblighi del vostro ufficio terreno, giacché ne abbiamo ormai tutti un’immagine soltanto confusa, e a noi malapena…

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni