Manet tutto da vedere a Palazzo Reale

“Manet è importante per noi quanto Cimabue e Giotto per gli Italiani del Rinascimento” disse Auguste Renoir, sottolineando il ruolo centrale del pittore nella storia dell’arte europea.

Un'occasione unica dunque la mostra “Manet e la Parigi moderna”, che apre l’8 marzo a Palazzo Reale, fino al 2 luglio, per conoscere il percorso artistico del maestro (1832-1883) che, in poco più di due decenni, ha rivoluzionato il concetto di arte moderna.
Le opere esposte arrivano dalla prestigiosa collezione del Musée d’Orsay di Parigi: un centinaio di opere, tra cui 55 dipinti: 17 capolavori di Edouard Manet e 40 altre splendide opere di grandi maestri coevi, tra cui Boldini, Cézanne, Degas, Fantin-Latour, Gauguin, Monet, Berthe Morisot, Renoir, Signac, Tissot, che intrecciarono con lui vita e lavoro, contribuendo tutti a quel momento fondamentale dell'arte che si svolse nella Francia di fine Ottocento.
Promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e MondoMostre Skira, e curata da Guy Cogeval, storico presidente del Musée d’Orsay e dell’Orangerie di Parigi, la mostra prevede due macro sezioni: “Manet e la nuova pittura” e “Manet e la Parigi moderna”, scandite in dieci sottosezioni:
Manet e la sua cerchia; Ispanismo; Nature morte; Sulle rive; Parigi, la città moderna; Il lato nascosto di Parigi; L’Opéra – Dipinti, disegni, sculture, maquettes; Parigi in festa; In bianco: l’universo femminile e gli spazi intimi; In nero: le passanti e i loro misteri.
Malgrado la sua fine precoce, Manet riuscì nell'intento di congiungere la grandezza della pittura classica alla libertà dell’arte moderna, grazie a una pittura ricca di virtuosismo e invenzioni, forte nel taglio delle composizioni e nell’uso dei colori (“ha trasformato il nero in luce” affermò Pissarro). Dell'Impressionismo però non volle mai fare del tutto parte: non partecipo alle otto mostre impressioniste tenutesi tra il 1874 e il 1886.
Grazia De Benedetti

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni