NATUROPATIA IN BREVE 27/22

Gastroenterite, sintomi e rimedi. (Seconda parte)

Per compensare ed evitare la disidratazione, devi bere molto: almeno 2 litri di liquidi al giorno (preferibilmente acqua naturale e ricca di sodio, brodo di verdure salato, tisane zuccherate...). Evita le bibite gassate che possono favorire i meteorismi e, naturalmente, evita le bevande alcoliche che favoriscono la disidratazione. Inoltre, è consiglio di bere a piccoli sorsi per evitare che torni la nausea: grandi sorsate influiscono sullo stimolo del vomito. Una volta raggiunto un certo livello di stabilità nella tolleranza dei liquidi puoi iniziare a reintegrare gli alimenti. Riprendi poco a poco un'alimentazione varia. Durante i primi giorni, spesso, è difficile mangiare. Man mano che il transito si calma è importante riprendere un'alimentazione varia. Non appena ricominci a mangiare, ti consiglio di fare più pasti nel corso della giornata.
In quel caso è preferibile scegliere: pesce bollito o cotto a vapore, carne ai ferri, riso ben cotto, pasta, carote cotte, yogurt, mele grattugiate o a pezzetti, banane mature e fette biscottate con miele o gelatine di frutta. Invece devi evitare gli alimenti ricchi di fibra che stimolerebbe il transito intestinale. Non mangiare quindi cereali integrali (pane integrale, riso integrale...), frutta e verdure crude e legumi (fagioli secchi, lenticchie...). Nei tre giorni successivi a questo episodio di diarrea, evita gli eccessi e riprendi progressivamente la tua alimentazione normale.

Claudio Dianese Naturopata
claudio.dianese@gmail.com

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni