Non è un miraggio, a Milano c'è Caravaggio

A Palazzo Reale, dal 28 settembre al 29 gennaio del 2018, sarà possibile ammirare le opere di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio. La mostra è stata prodotta e proposta dal Comune di Milano in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e con il gruppo Bracco.

Nella mostra, dal titolo, ‘Dentro Caravaggio’ saranno esposti 18 capolavori del grande maestro. Le tele provengono da importanti musei: Musei Capitolini - Galleria Doria Pamphilj - Galleria nazionale d’arte antica palazzo Barberini - Galleria nazionale d’arte antica palazzo Corsini di Roma, Galleria degli Uffizi - Palazzo Pitti - Fondazione Longhi di Firenze Museo e Real bosco di Capodimonte - Gallerie d’Italia Palazzo Zevallos di Napoli, Banca Popolare di Vicenza, Museo Civico di Cremona e da noti musei esteri come il Metropolitan Museum of Art di New York - Museo Montserrat di Barcellona - National Gallery di Londra - Wadsworth Atheneu of Art di Hartford - Detroit Institute of Arts - Nelson Atkins Museum of Art of Kansas City.
Il Caravaggio è, a Palazzo Reale, il protagonista assoluto per la seconda volta. La prima risale al 1951 per merito dello studioso  d’arte Roberto Longhi. La particolarità  dell’evento è che attraverso specifiche immagini radiografiche, realizzate dal Gruppo Bracco, i visitatori potranno comprendere il percorso compiuto dall’autore nella realizzazione delle opere. Grazie alle nuove tecnologie utilizzate  sono, infatti, emersi i molteplici strati di pittura che indicano i vari cambiamenti effettuati, in itinere, dall’artista. Inoltre, al contrario di quanto si è sempre pensato è stato appurato che, il Caravaggio, prima di dipingere disegnasse. La straordinaria scoperta, che, poi, è stata fatta è che le tele sono dipinte solo in parte e che nelle parti prive del colore l’effetto pittorico è ottenuto da una miscela di terra e oli vari.
Nato a Milano nel 1571 Caravaggio morì a soli 36 anni. L’arte pittorica lo rese ricco e famoso. La sua capacità fu quella di creare una nuova tecnica pittorica basata sul contrasto luci-ombre e sul naturalismo e il realismo delle raffigurazioni. Con la sua tecnica influenzò i pittori di tutta Europa sino al 1800 a tal punto che gli studiosi dell’arte hanno definito la sua influenza la corrente del ‘Caravaggismo’.
La prova di quanto fosse apprezzato e remunerato sono i 400 scudi ottenuti per dipingere la Cappella Contarelli in San luigi dei Francesi. Il compenso è iperbolico dato che, in quel periodo storico, con 400 scudi si pagavano 6.000 giornate lavorative di 10/12 ore ciascuna.
Poter dire quando sarà possibile, dopo questa mostra, riammirare gli splenditi quadri del Caravaggio è impossibile, è, quindi, un’occasione da non lasciarsi scappare. La programmazione di una visita a Palazzo Reale, visto l’arco temporale di durata della mostra, non è difficile. Se vuoi avvicinarti all’arte non farti sfuggire questa possibilità. Ti aggiungerai agli innumerevoli amanti della materia e scoprirai il piacere e le emozioni che si possono vivere guardando un quadro.
Flavio Fera

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni