Perle di finanza

Se il Covid dà la febbre da debito

di Folco Portinari*

Cari lettori di VivereMilano, auguri! L'anno nuovo è iniziato all'insegna del Covid. E non poteva essere altrimenti. Da 10 mesi viviamo sotto questa cappa: c'è chi ha perso persone care, chi è stato male, chi è in difficoltà economica. Tutti, ma proprio tutti, abbiamo dovuto rivoluzionare il nostro modo di vivere. Chiusi in casa, con la mascherina e gli igienizzanti per le mani sempre pronti.
La buona notizia è che le vaccinazioni sono iniziate. Pur tra mille polemiche ma sono iniziate. Questo è stato un vero miracolo: mediamente per la ricerca e il lancio di un nuovo vaccino ci vogliono tra i due e i dieci anni. Quello per l'Aids ancora non è stato trovato. Nel caso del Covid-19, invece, già molti sono i vaccini pronti o quasi pronti. Vedrete, dopo queste polemiche iniziali, la campagna di vaccini decollerà.
In questa rubrica di Capodanno, voglio invece affrontare un problema che scoppierà tra qualche mese: l'innalzamento del debito pubblico italiano causato dalle misure anti-Covid negli ultimi mesi, ma determinate anche  da scelte non oculate di finanza pubblica nei 12 anni precedenti.
Nel 2007, ai tempi del Secondo governo Prodi e grazie all'azione dello scomparso Ministro dell'Economia Tommaso Padoa-Schioppa, il debito era sceso al 103% del Pil: 1.600 miliardi di debito a fronte di circa 1.550 miliardi di Prodotto interno lordo. Da quel momento, anche per colpa della contrazione del Pil, quel rapporto è andato peggiorando. Sino al 135% di inizio 2019.
La contrazione cioè la discesa del Pil è un fattore importante: il rapporto debito/pil è infatti un rapporto dove "sopra", al numeratore, c'è il debito; "sotto", al denominatore, il Pil. Quindi il rapporto può peggiorare (salire) non solo per l'aumento dei titoli del debito pubblico italiani in circolazione, ma anche per la diminuzione del Pil.
In sintesi: tra il virtuoso 2007 e la fine del 2018, l'andamento dei due numeri ha portato a un notevole peggioramento: dal 103 al 135%, appunto. Con ciò creando non poche difficoltà a chi deve gestire il bilancio pubblico e di fatto causando una contrazione degli investimenti, fattore invece di crescita e posti di lavoro.
Tutte le misure per arginare il Covid e impedire licenziamenti, dare ristoro alle categorie economiche e preparare il rilancio, hanno fatto il resto nel corso del 2019, facendo arrivare il famigerato rapporto a sfiorare il 160% a fine dicembre (circa 2.600 miliardi lo stock del debito). Ma come disse l'ex Presidente della BCE all'inizio della pandemia, non si poteva fare altrimenti: occorreva indebitarsi, per evitare il crack dell'economia e il caos sociale.
La finanza pubblica italiana adesso ha la febbre altissima. Ma si può curare: occorrono politiche economiche adeguate e serie, che agiscano su due fronti. Primo: rendere credibile agli occhi degli investitori internazionali lo Stato Italia e il percorso di risanamento: solo così questi investitori continueranno a comprare i titoli pubblici tricolori. Secondo: stimolare gli investimenti pubblici e privati. Solo grazie a un impulso degli investimenti si creano posti di lavoro, benessere e ricchezza. Come dimostra la storia dell'Italia degli anni '50 e '60.


*Un attento osservatore dei fatti economici dei nostri tempi si cela dietro il nom de plume del banchiere fiorentino del XIII secolo, padre di Beatrice, musa ispiratrice di Dante Alighieri

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni