Poesie di Uccio Greco

Uccio Greco, ex dirigente di una grande società farmaceutica italiana con sede a Milano ha scritto alcuni romanzi - racconti - poesie - quasi tutti pubblicati con la EDB edizioni di Milano, inseriamo -in queste ultime serate di giugno- alcune poesie di Oblio l'ultima sua raccolta che uscirà a settembre. A chi le ordina entro il 30 luglio - sconto del 40%, - Costo del volume 8 euro, scontate 4,80 euro

Inviare ordine a: edbedizioni@gmail.com 


INSEGUENDO ( L'INFINITO DI ) LEOPARDI


Millenovecentocinquanta: il mio paese senza colline e case tutte a un piano: Solo la chiesa ha una terrazza elevata con le campane e la cupola. La scala per accedervi pericolosa e dai gradini quasi impraticabili, almeno per noi ragazzi. Ecco:

in dialetto salentino gricanico.                    In italiano

C'era bellu subbra la chiesa                        Era bello in cima alla chiesa

quandu salivi e t'enfaccia visalire e,            ampliando lo sguardo,

ca tuttu lu mundu paria ca vitivi.                fantasticare di vedere il mondo intero.

'N giru n'giru lu cielu.                                Tutt'intorno il cielo

la terra mbrazzava                                    abbracciava la terra

e quai ddhai, a mmenzu nu subbissu.         e qua e là, spersi

de verde de volia, ntricu.                           nel verde degli olivi, intrico

derlampava de petre de parite.                  lampeggiava di rustici muretti

e de case ncucchiate                                 e di paesini raccolti

comu mappine de luce llattate.                  come macche fatte bianche dalla luce.

Mancu na scàzzica de fiatu,                       Non s'udiva respiro,

sulu pace mpaccìa intra lu core!                 solo pace impazzava nel cuore!

Poi da dhu lu sule s'azza                           Poi da dove il sole sorge

nu vientu de sale te rrivava.                      un vento salmastro ti raggiungeva

ca li purmoni te bbinchiava                        riempiendoti i polmoni

e te facia cu ricordi Diu                             e facendoti ricordare di Dio

e la vita ca camina.                                  e della vita che continua.

Tandu te perdivi intra stu pinsieru quai      Allora tra questi pensieri ti smarrivi

e a dhu momentu cu te 'nfuchi                  e in quel momento naufragare

lo sfiziu te venia                                      desideravi

intra l'azzurru de dhu mare ddhai.             nell'azzurro di quel mare laggiù.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni