Sindacati: protagonisti della rinascita o rischio emarginazione?

di Walter Galbusera
Obiettivi, problemi e sfide dei sindacati. Il Taccuino di Walter Galbusera

Il sindacato italiano è composto da migliaia di funzionari a tempo pieno e decine di migliaia di quadri militanti, è presente in tutto il paese e fra tutte le categorie, lavoratori attivi o pensionati. Le confederazioni “maggiormente rappresentative” a carattere nazionale (Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Confsal) raggiungono le dimensioni di una media multinazionale e dispongono di risorse importanti anche se, allo stato delle cose, è pressoché impossibile disporre di un bilancio consolidato. Ciò perché nell’assetto organizzativo sia le strutture orizzontali e territoriali (cui competono le politiche generali) sia le diverse categorie (titolari della contrattazione), sono articolati a livello nazionale, regionale e provinciale con bilanci autonomi.
Si pensi che volendo determinare il volume complessivo delle risorse di cui dispongono Cgil, Cisl e Uil si dovrebbero consolidare circa 1200 bilanci delle più varie dimensioni oltre agli enti e alle società del sindacato ai vari livelli. Le entrate sono determinate dalle “deleghe”, veri e propri contratti trilaterali tramite i quali le imprese trasferiscono ai sindacati le quote degli iscritti, da contributi legati a specifici eventi, da distacchi retribuiti contrattati con i datori di lavoro privati e pubblici, da agevolazioni diverse tra cui le più rilevanti riguardano i contributi previdenziali. Lo stesso consistente flusso di entrate derivante dai cosiddetti “servizi” che vanno dalle vertenze di lavoro all'assistenza fiscale, previdenziale, legale e alla sicurezza del lavoro costituiscono qualcosa di più di un asset finanziario. Sono un patrimonio relazionale enorme fondato sul rapporto fiduciario che si instaura tra il singolo e l'organizzazione, uno strumento di difesa delle condizioni di vita dei lavoratori di cui si avverte la necessità proprio nei momenti difficili. Il sindacato ha saputo costruire nel tempo un articolato impianto di autofinanziamento che può essere discusso nel merito ma non nella legittimità e ha raggiunto dall’autunno caldo in poi un obiettivo fondamentale: quello di unire alla crescita enorme del suo potenziale peso politico la conquista della propria autonomia economica e organizzativa. Gli interlocutori del sindacato non lo devono sottovalutare.
Ma che uso fa oggi il sindacato della sua forza e perché l’obiettivo dell’unità organica è scomparsa dai radar di Cgil, Cisl e Uil?
In questo momento, al di là della grave emergenza sanitaria, che si supererà gradualmente, si pongono preoccupanti interrogativi sulla tenuta di un sistema economico, sociale e (anche) politico del nostro paese. Inquieta ancor più l’incapacità sinora dimostrata nel progettare in maniera organica un utilizzo delle ingenti risorse dell’Unione europea per incidere sui nostri ritardi strutturali. A parte il ridicolo balletto sul Mes “sanitario”, non emergono obiettivi chiari e selezionati per aumentare la capacità competitiva del sistema Italia che non potrà mai ripartire senza un'amministrazione pubblica moderna ed efficiente. Invece si guarda con malcelata soddisfazione più ai “grants” che ai “loans” ignorando che se i debiti andranno restituiti, il ” fondo perduto” sarà finanziato da un prelievo fiscale aggiuntivo della Ue a cui tutti i paesi dovranno rinunciare nel proprio bilancio nazionale.
In questo scenario, il sindacato, pur colto di sorpresa da un evento simile a un terremoto, sottovaluta le nuove differenze sociali che la pandemia ha in parte creato e in parte accelerato e continua a svolgere la propria azione sul piano rivendicativo e delle forme di lotta secondo canoni tradizionali. Ma è cambiato tutto: per evitare l'isolamento e la sconfitta è necessario adattare le strategie alla nuova realtà.
La priorità oggi, per garantire il lavoro, è la difesa della competitività del sistema produttivo e l'efficienza della pubblica amministrazione che ha bisogno di un modello contrattuale che si avvicini sempre più a quello privato in cui vengano premiati il merito e la responsabilità. Non si tratta di una ritirata ma di un adeguamento alle nuove circostanze. Lo stesso leader della Cgil, Maurizio Landini, nel confronto con il presidente di Confindustria Bonomi ha sottolineato che il sindacato da solo oggi non ce la fa a trovare soluzioni adeguate. Occorre condividere col “padrone” visioni e interessi a partire da una concezione moderna che viva l'impresa come una realtà in cui convivono rilevanti interessi comuni tra capitale e lavoro.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni