ZITTI TUTTI

Centrale dell'Acqua, 7 ottobre ore 21

La rassegna Liquida dedicata al teatro, a cura di Lorenzo Loris e Roberto Traverso, presenta a partire dal 30 settembre quattro monologhi di tre autori italiani (Testori, Tondelli, Baldini) e del poeta americano Lawrence Ferlinghetti. Il filo rosso che lega la scelta degli autori e dei testi è la stessa linea di raccordo tra la società “liquida” descritta dal sociologo e filosofo Zygmunt Bauman e il Novecento che abbiamo seguito nella poesia e nella musica cercando di rappresentare il contrasto tra i vecchi riferimenti e i nuovi valori condivisi della modernità.
Zitti tutti, di Raffaello Baldini, è un monologo in dialetto romagnolo con la traduzione a fronte scritta in italiano dallo stesso autore. Un esperimento che ci allontana forse dal monologo così come era stato originariamente pensato ma che apre a una nuova prospettiva teatrale.
Il protagonista, un uomo comune, vinto dal tormento e dalla nevrosi, umiliato dalla vita, quasi patetico, racconta storie di paese che risultano ora grottesche, ora di una comicità irresistibile. Il caso ha assestato una brutta botta a un uomo maturo, vigoroso, amante del mangiar bene, sposato con due figli, e benestante, sano, apparentemente senza problemi. E lui per reagire per ribellarsi parla. E ne ha per tutti e per tutto. Perché lui non è come gli altri, non è un numero, una pedina e dice di se stesso:"
ho le mie idee io, faccio diversamente”. Perché in fondo basta adoperare il cervello e con il cervello fai quello che vuoi, e non devi nemmeno domandare il permesso a nessuno, al massimo diranno che sei un po' matto. Ma un po' di matteria alle volte..."

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni