TRASFERTA ITALIANA 10

- Sì. Adesso te lo mostro.

Si spostò quindi per lasciarci libero il passaggio. L’uomo che aveva intascato il malloppo mi fissò sconcertato. Si trattava di un individuo sulla quarantina, di bell'aspetto e ben pettinato, i lineamenti del volto stravolti per la tensione.

- Cosa sta succedendo? – chiese con voce tremante, voce dal tipico accento italiano.

- Ora lui ce lo dirà – gli rispose Hans con voce cattiva.

Mi invitò a sedere, o meglio mi costrinse. Mi lasciai cadere su una poltrona a un lato del divano, sempre tenuto d’occhio dal nero occhio della pistola.

. Chi sei, amico? Quale professione svolgi?

- Svolgo le pagine finali del libro della tua esistenza – risposi – Che non sono belle da leggere come quelle iniziali.

Si produsse in un mezzo sorriso; sperai non si fosse riprodotto anche geneticamente, perché altrimenti la sua progenie non avrebbe certo potuto partecipare al concorso per Mister o Miss Universo.

Gettami il portafoglio – ordinò con tono di voce cattivo.

Sfilai il portafoglio dalla tasca interna della giacca e glielo gettai ai piedi come quello che Eddie Mars aveva gettato sul tavolo della roulette ne “Il grande sonno”. Lui lo raccolse e lo aprì. Trovò quindi il documento che attestava la mia professione, il mio nome e recapito, la mia nazionalità.

- È uno sbirro – sintetizzò lui. – Privato ma pur sempre uno sbirro.

Si rivolse poi nuovamente a me.

- Perché stavi tenendo d’occhio questi due?

Non risposi.

- E allora?

- E allora non ti deve interessare – fu la mia risposta.

Sorrise, acido. – No, eh? Chi stavi seguendo dei due?

Scossi la testa, cocciutamente.

- Non sono tenuto a risponderti.

Lui si avvicinò, e con la canna della pesante pistola mi colpì sulla guancia destra, perché il colpo: sferratomi a semicerchio da sinistra a destra, fu violento e doloroso. Poi sentii frugarmi nelle tasche, fino a trovare e ad estrarre lo smartphone. Quindi, sempre tenendomi d'occhio, controllò il telefono alla ricerca delle telefonate fatte o ricevute e dei messaggi ricevuti o fatti.

- Ha telefonato all'incirca due ore fa a un certo Solmi, inviandogli alcune foto e video della tua camera, Vania. E prima ancora, sempre a questo Solmi ha telefonato intorno alle nove. Cioè, alla stessa ora in cui il treno per Rimini era in partenza da Milano.   Bene – continuò tornando a rivolgersi agli altri due. - Siamo stati scoperti. Tutto quello che ci resta ora da fare è di ritardare la diffusione della scoperta e tagliare la corda.

- E io? – chiese l’uomo che aveva contattato Vania e che avevo scambiato per un semplice cliente.

- Anche tu sei fregato, amico.

Non appena pronunciata l'ultima parola, un colpo di pistola fece tremare le pareti della stanza e quella parietale sinistra del suo cranio.

L’uomo crollò a terra, con un buco alla tempia e gli occhi sbarrati sul nulla. Io cominciai a diventare sempre più presbite, perché non più in grado di vedere da lontano il mio futuro.

- In quanto a te…- ...la suspense si protrasse per un tempo per me interminabile. - … conviene per il momento lasciarti in vita. Sei americano, io sono russo, e non vorrei per questo motivo innescare una nuova guerra fredda. Cosa ne dici?

- Dico che una guerra fredda in questa stagione calda potrebbe sostituire egregiamente il condizionatore che qui invece manca.

- Ma se tu verrai freddato, almeno due elementi insieme a quell’imbecille – indicò il cadavere da lui appena prodotto – ci saranno eccome.

Non dissi nulla, perché le mie freddure rischiavano di freddare anche me.

- Voltati- ordinò.

Di lì a poco sembrò che la stanza si voltasse con me. mi crollasse sulla testa e il buio mi avvolse come un nero sudario, come il foro risucchiato della canna della pistola che si fosse allargato fino a ingoiarmi e assorbirmi nel suo fottuto ventre.
Antonio Mecca

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni