TRASFERTA ITALIANA 15

Il posto di polizia più vicino si trovava nei pressi della stazione ferroviaria, nelle vicinanze cioè dell’accampamento temporaneo o stanziale dei reietti della Terra. Individui di ambo i sessi un giorno arrivati e mai più ripartiti, che tiravano avanti usando droga che ne fiaccava lo spirito e afflosciava la mente, implorando la carità dei cosiddetti normali e vivendo o meglio sopravvivendo della assistenza dei volontari. Un giovane agente in divisa piantonava l’ingresso. Frank e io ci avvicinammo, dicendogli di volere parlare con l'ufficiale di servizio.

- I vostri nomi, prego.

- Siamo due investigatori privati – spiegai mostrandogli i documenti che lo attestavano. Lui li esaminò, dopodiché ci autorizzò a entrare. Al check-in lasciammo le pistole, quindi potemmo proseguire. 

Nel corridoio ci venne incontro un suo collega: anche lui giovane, anche lui in divisa, anche lui di origine meridionale.

- Per quale ragione volete parlare con l'ufficiale di servizio? – chiese.

- Una ragione comprendente un omicidio e una fuga di documenti militari trafugati e venduti a una potenza straniera.

Sembrò farsi immediatamente interessato.

- Venite con me.

Ci precedette lungo un corridoio che conduceva a una serie di uffici uno dei quali occupato dal commissario di turno.

- Dottore – disse l'agente, - ci sono qui due investigatori privati che hanno da riferirle alcune cose che sembrano essere molto importanti.

Il commissario Alfonsi, fece cenno di sedere. 

- Commissario, sono un detective privato di Milano e il mio collega un detective privato di Los Angeles, qui giunto su richiesta di un cliente americano. Ha chiesto la mia collaborazione, e ha portato anche me qui a Rimini.

Presi a raccontargli l'intera storia, seguito attentamente da lui e con un certo sforzo a causa della lingua da Stevens. Quando terminai, si alzò in piedi dicendo:

- Presto: conduceteci alla casa dove è stato ucciso quell'uomo.

Dopo avere recuperato le nostre armi lo seguimmo a bordo di una pantera della polizia con un altro agente in divisa. Giungemmo a destinazione in poco tempo. Entrati nella villetta accendemmo le luci e così anche i poliziotti poterono notare il cadavere di Genzani steso sul pavimento. Allora l’ufficiale ordinò all'agente che ci aveva accompagnato di chiamare la Scientifica, e diramare l’identikit delle due persone da me descritte: Vania e Hans.

- Noi ci rechiamo alla stazione - disse Alfonsi all'agente, per poi comunicarlo anche all’autista.

Giunti in stazione rivolgemmo uno sguardo al tabellone delle partenze: quella per Milano era annunciata di lì a un’ora, mentre quella precedente era avvenuta un'ora prima. Il commissario passò davanti alle persone in fila in attesa di acquistare il biglietto sventolando la propria tessera di poliziotto.

- Polizia! – esclamò infatti. – Riconosce questa persona? – aggiunse rivolto all’impiegato dietro il vetro.

Così dicendo tramite il mio smartphone gli mostrò la foto di Vania. L’uomo la fissò, con attenzione.

- No – disse poi. – Non ricordo di averla vista. 

Il commissario si volse verso di noi.

- Devono trovarsi in auto, diretti a Milano. Andiamoci anche noi, presto. 

Lasciammo l’impiegato e la stazione e ci precipitammo nell'auto della polizia.

- Fai girare i pistoni in direzione dell'autostrada e poi dirigiti a Milano.

L’agente al volante non se lo fece ripetere. Innestando la sirena sorpassò varie auto incolonnate fino a giungere ben presto all'autostrada, che si trovava non lontano dall'ingresso in città, svoltando a sinistra e arrivando al casello indicante Bologna da una parte e Ancona dall’altra. L'agente prese per Bologna e di lì a poco schiacciò l'acceleratore a tavoletta. Il limite dei centotrenta fu largamente superato e mentre eravamo in viaggio Alfonsi avvisò la Centrale di polizia di Milano di recarsi in via Barillari, al numero 22 e di tenere d’occhio l’abitazione di Vania Titova. Ovviamente a bordo di un'auto civetta. 

- Sempre che si rechino a Milano e non all’aeroporto – disse il poliziotto rivolto a noi che sedevamo sui sedili posteriori. Diramò poi un ordine anche agli aeroporti di Malpensa, Linate e Orio al Serio, inviando la foto di Vania tramite cellulare. Alla fine si lasciò andare sullo schienale, socchiudendo gli occhi. 

 

Antonio Mecca

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni