UNA RIVOLUZIONE

A Brera non visitatori ma soci

Un nuovo museo per un nuovo mondo: Brera dal 15 settembre si presenta con un progetto innovativo. -Il biglietto diventa tessera e il visitatore un socio.

Il passaggio rappresenta una trasformazione del concetto di museo e un'opportunità di avvicinarsi di più alla comunità: i visitatori non hanno una voce, ma i soci sì. "Libertà è partecipazione"-. James Bradburne, direttore della Pinacoteca di Brera e della Biblioteca Nazionale Braidense adotta la frase di Gaber, per introdurre la sua proposta "Brera Plus+", ovvero un connubio stretto tra visita e approfondimenti online.

Una tessera gratuita e sperimentale, che fino al 31 dicembre, dà accesso non solo alle sale (previa prenotazione) del museo ma anche alla nuova piattaforma, che amplia i contenuti inerenti sia a Brera sia alla Braidense: programmi speciali, concerti, eventi in diretta streaming, ma anche accoglienza non stop, interviste e molto di più.  

Le due offerte, la fisica, insostituibile, di fronte alle opere e quella online la prenotazione obbligatoria online, di approfondimento, coesistono, confermando l’esperienza museale, in tutte le sue sfaccettature, come fulcro della missione di Brera.

"Abbiamo sempre creduto nell'online - ha detto Bradburne - e il nostro sito è molto apprezzato: gli utenti digitali, sono passati da 300 a 300mila, durante la chiusura, e 10mila al giorno post riapertura. Ora che la situazione esige una rarefazione delle presenze, queste si spostano sul sito, rendendo l'esperienza di arte più intensa".

Il turismo di massa non più sostenibile è crollato, oggi è il momento del turismo di impegno: con la card, che da gennaio 2021 si acquisterà al posto del biglietto, si ha diritto alla visita, per 3 giorni e a un abbonamento annuale per il sito.

Brera Plus+ dà voce e responsabilizza al tesserato/socio (all'inizio del 2021 è prevista la prima Assemblea) un nuovo modo di pensare la partecipazione del pubblico alla gestione della propria “grande casa”. “mordi e fuggi” che ha caratterizzato il turismo di massa 

“Brera deve appartenere alla sua comunità. È la nostra “grande casa”, dove custodiamo i tesori della collettività. È la nostra memoria, il nostro passato, presente e futuro. È parte di ciò che tutti noi siamo. Deve esserci quando ne abbiamo bisogno - per l’ispirazione, la consolazione, l’educazione e la partecipazione. Come un parco o un ospedale, deve essere accessibile. Per evitare di essere “elitaria”, deve includere i ricordi di tutti” 

A partire dal 15 settembre sino a fine anno sarà attiva una nuova piattaforma che offrirà una tessera gratuita. Ogni tesserato - o socio - avrà della Pinacoteca di Brera (in anticipo) e in più, rispetto al solo ingresso, anche l'accesso a contenuti online,

Calendario  

Tra i contenuti accessibili tramite Brera Plus+, le due iniziative che riprendono le celebrazioni per l'anno raffaellesco. Il 12 ottobre Performing Raffaello proporrà un ricco e interattivo excursus sugli allestimenti dello Sposalizio della Vergine dal 1806 ad oggi, trovando ulteriore sviluppo nella ricostruzione dell’installazione concepita nel 1976 da Bruno Munari (in occasione del Processo per il Museo) per guardare con occhi nuovi il capolavoro di Brera. 

Un percorso che proseguirà idealmente il 29 ottobre con il Nono Dialogo Nuove prospettive sulla prospettiva, mostra virtuale che affiancherà lo Sposalizio del “divin pittore” col rotolo cinese Viaggio lungo il fiume durante il Qingming, realizzato da Zhang Zeduan all’epoca della dinastia Song (960-1279): un accostamento inedito e suggestivo, che permetterà di riflettere sui modi di rappresentare il tempo e lo spazio in contesti storici e culturali differenti.

Sulla nuova piattaforma trova spazio anche il ricco programma di Brera/Musica: al ritorno in Pinacoteca dei giovani concertisti, ogni terzo giovedì del mese, fanno da contrappunto le esecuzioni disponibili solo su Brera Plus, oltre a due concerti in diretta streaming: 19 ottobre, Brahms con il trio per pianoforte, violoncello e clarinetto; 21 novembre, concerto per famiglie, con musiche ispirate a Gianni Rodari e Bruno Munari, in collaborazione con l'Archivio Ricordi. 


La Biblioteca Braidense, che, lavorando duramente, già dal 1° settembre ha ripristinato in sicurezza i servizi di consultazione sia di manoscritti sia di microfilm e teche RAI, inizia il 1° ottobre con la mostra di Piranesi gli eventi del suo calendario.

 

Grazia De Benedetti




CALENDARIO EVENTI BIBLIOTECA BRAIDENSE 

, la Biblioteca Fantastica (24 novembre), i libri d’artista per ragazzi basati su Gianni Rodari, e Oggetto/Libro (1° dicembre), unica esposizione al mondo che mette a confronto la creazioni di libri nella quale la progettualità del designer e quella dell’artista dialogano fra di loro 

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni