Approvato il nuovo regolamento per la Commissione Comunale di Vigilanza

Nuove norme per procedure più efficienti e rapide, sia per le licenze di agibilità per i locali di pubblico spettacolo sia per le manifestazioni temporanee che si svolgono in città

È stato approvato dal Consiglio comunale il nuovo Regolamento della Commissione Comunale di Vigilanza, a cui spetta dal 1990 la titolarità dell’accertamento tecnico finalizzato al rilascio della licenza di agibilità per i locali di pubblico spettacolo e per le manifestazioni temporanee che si svolgono in città.   
Il Regolamento, il cui impianto risaliva a 20 anni fa, è stato sottoposto a un percorso di aggiornamento da parte di un ampio gruppo di lavoro che ha riunito diverse aree e settori del Comune di Milano.
L’assetto e il funzionamento della Commissione risalivano a un’impostazione degli anni Novanta, quando il contesto legislativo nazionale e il sistema produttivo di eventi e spettacolo milanese erano completamente diversi – hanno dichiarato la vicesindaco e assessore alla Sicurezza Anna Scavuzzo e l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno. - Fino ai primi anni Duemila era presente infatti una maggioranza netta di locali di spettacolo al chiuso con attività stabile e continuativa, mentre da dieci anni a questa parte si ha un sistema cittadino più bilanciato e profondamente basato su attività temporanea e in gran parte all’aperto. Dal 2011 in avanti, e più rapidamente ancora dopo EXPO, gli eventi e le manifestazioni temporanee in città si sono moltiplicati in maniera esponenziale grazie ai numerosi festival diffusi, al formato delle City, delle Week e a molti più investimenti di partner privati sul territorio di Milano realizzati in sinergia con l’Amministrazione”. 
La revisione è avvenuta in seguito a un confronto interno e al dialogo con gli operatori del territorio, con il risultato di un testo modificato sia dal punto di vista tecnico-normativo sia da quello sostanziale, in modo da coniugare in maniera più efficiente il rispetto delle normative di sicurezza con l’esigenza di sviluppo e rilancio della città, in particolare dopo la difficile situazione causata dell’emergenza Covid.

Diverse, quindi, le aree affrontate: l’attualizzazione delle norme procedurali di fronte alla nuova realtà e a nuove norme; una maggiore rappresentatività nella composizione della Commissione, che si potrà arricchire anche dei rappresentanti degli operatori di eventi temporanei oltre che delle tradizionali associazioni di categoria; la suddivisione dei processi trattati dalla Commissione per la valutazione di agibilità definitive da quelli per le licenze temporanee a i fini della velocizzazione dei processi; la riduzione della tempistica per determinate categorie di iniziative (in particolare, per gli eventi temporanei con capienza inferiore ai 200 posti); la digitalizzazione della pratica, dalla richiesta al rilascio dell’autorizzazione, grazie all’integrazione con l’attuale processo digitale del SUEV.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni