Attività istituzionale, smart working e solidarietà

Assessore Lipparini: “Una nuova rendicontazione visibile a tutti per
raccontare cosa è stato fatto dal Comune durante il lockdown”

Dalle ore di Giunta, di Consiglio comunale e di Commissioni che si
sono svolte al numero di mascherine, guanti, gel igienizzanti e altri
dispositivi individuali che sono stati consegnati alla cittadinanza.
Dai pasti in emergenza, i buoni spesa e i farmaci portati a casa delle
persone più fragili ai tablet e pc recapitati nelle scuole dalla
Polizia locale, fino all’85% in più di certificati on-line e al numero
di dipendenti comunali impegnati nello smart working straordinario.
Sul sito del Comune di Milano al link la Milano dell’emergenza da
Covid - 19 è vista questa volta dalla parte di ciò che è stato fatto
per i cittadini, ed è raccontata in numeri, grafici e percentuali.
La sezione si chiama “Milano Aiuta…in cifre” ed è l'illustrazione di
quanto è stato fatto dal Comune che ha operato in rete con
associazioni, tantissimi volontari, piccoli e grandi benefattori.
L’Assessorato alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data ha
curato la realizzazione di questa visualizzazione (dashboard),
raccogliendo e accogliendo i dati dai diversi settori coinvolti e
realizzando un nuovo strumento per rappresentare in modo trasparente
l'attività del Comune e della città.
“Con Milano Aiuta in cifre - ha spiegato l’assessore Lorenzo Lipparini - aggiungiamo un ulteriore progetto di rendicontazione sul portale
Open Data, mostrando come l'Amministrazione comunale ha affrontato le
richieste di assistenza ricevute e come ha dato continuità ai servizi
attraverso il lavoro agile e i dispositivi attivati, dai pacchi
alimentari alle mascherine distribuite. Tutto a portata di clic”.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni