"La voce delle ombre. Presenze africane nell'arte dell'Italia settentrionale (XVI ÷ XIX secolo)"

La mostra a ingresso libero rimarrà aperta al pubblico da veberdì 13 maggio fino al 18 settembre

Il Museo delle culture di Milano apre al pubblico la mostra antropologica "La voce delle ombre. Presenze africane nell'arte dell'Italia settentrionale", una delle prime esposizioni in Italia sull'argomento.

La mostra, a cura del personale scientifico del Mudec, indaga i modi della rappresentazione artistica di uomini e donne originari del continente africano nel nord Italia fra XVI e XIX secolo, e si inserisce nel progetto di ricerca più ampio iniziato con il riallestimento della collezione permanente del museo.
L'esposizione si configura come un primo tentativo di individuare modalità differenti di raffigurazione dell'altro, svelando canoni e cliché di questa tipologia di immagini e cercando di restituire a queste figure un'identità attraverso il recupero delle loro vicende umane e del ruolo che ricoprivano nella società dell'epoca. Attraverso l'esposizione di opere di diverso genere, provenienti da importanti istituzioni pubbliche e private, sarà dunque possibile riflettere sulla percezione e rappresentazione dell'alterità, distinguendo i personaggi storici da quelli mitici, gli stereotipi dalle persone reali.

Accostando le testimonianze documentarie, è stato possibile comprendere la variabilità delle occasioni in cui le persone di origine africana giungevano nel nord Italia .

IL PERCORSO ESPOSITIVO
Il percorso espositivo si colloca nelle Sale Focus del museo e si dipana in sezioni, incentrate sulle diverse modalità di rappresentazione delle persone nere.
L'allestimento (curato dallo studio Origoni Steiner) si configura attraverso un evocativo dualismo cromatico bianco/nero ed elementi grafici minimali, che aiutano a sottolineare il peso delle figure nere all'interno di ciascuna opera, accompagnando il visitatore nella lettura delle opere esposte.
Apre la mostra un documento proveniente dall'Archivio della Veneranda fabbrica del Duomo, che attesta l'acquisto di uno schiavo nero di quattro anni, Dionisio, da parte del nobile Gaspare Ambrogio Visconti, nel 1486. È il testo stesso, con i suoi elementi intrinseci, a far comprendere al pubblico come la schiavitù, pur presente nel territorio milanese, non fosse a quel tempo così diffusa.

Nella prima sezione, "Ombre senza voce", le presenze di origine africana sono servitori all'ombra dei loro signori, inserite nelle opere quasi come un accessorio. Il capostipite iconografico è il "Ritratto di Laura Dianti con giovane servitore" realizzato da Tiziano, a cui si rifà Aegidius Sadeler II per l'incisione (1600÷1627 circa) di medesimo soggetto, presente in mostra. La serie gode di lunga fortuna, come testimonia il doppio ritratto del "Conte Manara con il suo servitore etiope" (1842), scelto come immagine guida della mostra.

L'esposizione prosegue con la sezione "Leggenda e tradizione", dedicata alle opere che documentano come nell'immaginario visivo di artisti e committenti italiani fossero presenti figure originarie dell'Africa, questa volta centrali nella rappresentazione, laddove vengono raffigurati personaggi straordinari, come nel caso del magio nero (come nell'Adorazione dei Magi di Genovesino, in mostra) o della domestica di Giuditta. 

"In carne e ossa" è il titolo della terza sezione, nella quale sono esposte le opere in cui il corpo nero è finalmente protagonista, come nel caso di Muley Xeque (1566÷1621), don Filippo d'Austria, Infante d'Africa e Principe del Marocco, convertitosi al cristianesimo e quindi diventato una sorta di simbolo contro gli infedeli, e di Andrea Aguyar, ex schiavo uruguaiano che seguì Garibaldi in Italia e partecipò ai fatti della Repubblica romana nel 1849, nobilitato dalla partecipazione all'epopea risorgimentale. Entrambi sono rappresentati in mostra con volumi e documenti visivi d'archivio.

Il percorso si chiude con la sezione a cura di Theophilus Imani, ricercatore visivo italiano di origine ghanese, con la serie di dittici fotografici "Echi e accordi". Accostando, attraverso una sorta di sinestesia visiva, dettagli di dipinti antichi europei ad opere fotografiche contemporanee di autori neri, Imani ridona significato a immagini classiche del passato, problematizza lo stereotipo e rimette al centro le persone.

Per informazioni sugli orari di apertura e sui biglietti consultare il sito del Mudec.

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni